Società e Istituzioni

I documenti di riconoscimento

La Carta di identità elettronica

La carta d'identità elettronica è il nuovo documento di riconoscimento personale, le cui linee di utilizzo e diffusione sono state indicate dal Ministero dell'Interno. Il documento di riconoscimento elettronico sostituirà, nel tempo, tutti i dati identificativi e le informazioni ufficiali relative alla nostra persona, sarà come avere un fascicolo personale in una sola tessera. Non solo, con ogni probabilità, funzionerà anche come carta di servizi, grazie alla quale, in futuro, saremo in grado di prenotare un visita ai musei, accedere alla nostra storia sanitaria, pagare multe, votare e molto altro ancora.

Per poter avere la Carta sarà quindi necessario che il proprio Comune abbia precedentemente fatto richiesta al Ministero dell'Interno secondo il procedimento previsto dall'articolo 9 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri numero 437 del 1999.

Che cosa è

La nuova Carta d'Identità Elettronica (Cie) è un documento di riconoscimento e carta di servizi di tipo elettronico, per dimensioni e funzioni molto simile ad un bancomat. Oltre ad essere un documento di riconoscimento, la Carta permetterà al cittadino di effettuare pagamenti elettronici come il pagamento multe, ticket sanitari e altro.

Che cosa contiene

La Carta contiene i dati personali, il codice fiscale, i dati di residenza, la cittadinanza, il codice numerico del comune di rilascio, la data del rilascio e la data di scadenza oltre alla firma del titolare, la fotografia ed eventuale indicazione di non validità ai fini dell'espatrio. Infine potrà contenere anche i dati amministrativi del Servizio Sanitario Nazionale e tutte le informazioni occorrenti per la firma digitale.

Come ottenerla

Le modalità per ottenere la carta sono le stesse previste per il rilascio della carta d'identità tradizionale. Sarà necessario recarsi presso il proprio Comune di residenza presentandosi con documento di riconoscimento valido e una fotografia formato tessera.

Al momento del rilascio della carta, il cittadino  riceverà tre codici personali segreti, vediamoli di seguito. Il PIN: una sequenza di numeri personali e segreti che permette il riconoscimento dell’utente in tutta sicurezza; il PUK: il codice per sbloccare il PIN nel caso in cui il cittadino ne sbagli la digitazione per tre volte o dimentichi il proprio numero; il CIP: per impedire l'uso del PIN ad altri se la carta viene smarrita o rubata e garantire la propria privacy.

Ricordiamo che non tutti i Paesi riconoscono il documento di rinnovo della carta d’identità elettronica. La circolare numero 27 del 4 dicembre 2009 emanata dal Ministero dell'Interno indica le nazioni che non accettano la proroga di questo documento: Egitto, Turchia, Tunisia, Croazia, Macedonia, Romania, Bulgaria e Svizzera. Per recarsi in questi Paesi è meglio, dunque, munirsi di passaporto.

Normativa di riferimento
  • Decreto del Ministero dell'Interno dell'8 novembre 2007: "Regole tecniche della Carta d'identità elettronica"
  • Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 22 ottobre 1999, numero 437: "Regolamento recante caratteristiche e modalità per il rilascio della carta di identità elettronica e del documento di identità elettronico"
  • Legge del 16 giugno 1998 numero 191: "Modifiche ed integrazioni alle leggi numero 59 del 15 marzo 1997, e numero 127 del 15 maggio 1997, nonché norme in materia di formazione del personale dipendente e di lavoro a distanza nelle pubbliche amministrazioni"
  • Legge numero 127 del 15 maggio 1997: "Misure urgenti per lo snellimento dell'attività amministrativa e dei procedimenti di decisione e di controllo"
  • Decreto legge del 5 maggio 2011 denominato "Decreto Sviluppo"
Tema correlato

Decreto sviluppo: cosa c'è per lavoratori e famiglie
Il passaporto Elettronico
La Carta di Identità

Link consigliato
Ministero dell'Interno - la carta d'identità elettronica