Pensioni

Pensioni - Quali sono

La pensione di reversibilità ai superstiti

La pensione ai superstiti viene concessa ai superstiti di deceduti in attività o di pensionati. Tale prestazione varia in funzione del numero dei beneficiari e del loro reddito.

Viene liquidata in caso di decesso di un assicurato (indiretta) o di un pensionato (di reversibilità), in presenza di determinati requisiti.

Possono beneficiare di questo trattamento previdenziale:

  • il coniuge, anche se separato;
  • i figli minorenni, maggiorenni se ancora studenti (fino a 26 anni se universitari), o inabili al lavoro;
  • i genitori, se hanno più di 65 anni al momento del decesso del figlio, se a carico dello stesso e se non percepiscono altra pensione;
  • i fratelli, se a carico del defunto o inabili, non coniugati o non titolari di altre pensioni.

Il diritto alla prestazione spetta indipendentemente dalle sorti della qualifica di erede. In caso di decesso di pensionato, la reversibilità spetta in ogni caso, mentre in caso di lavoratore, il diritto spetta se il defunto aveva 15 anni di contributi in tutta la sua vita lavorativa o almeno 5 anni, di cui 3 nell’ultimo quinquennio.

Dal 1 gennaio '96, le regole che disciplinano questa prestazione sono identiche sia per il settore privato, sia per il settore pubblico. Le prestazione con decorrenza anteriore alla suddetta data rimangono vincolate alle precedenti norme.

Limitazioni in base al reddito

La pensione di reversibilità subisce un taglio, in base al reddito del coniuge superstite:

  • se il reddito è superiore a 3 volte il trattamento minimo, la riduzione è del 25 per cento;
  • se il reddito è superiore a 4 volte il trattamento minimo, la riduzione è del 40 per cento;
  • se il reddito è superiore a 5 volte il trattamento minimo, la riduzione è del 50 per cento.

Si veda la pagina sul trattamento minimo, i cui importi vengono aggiornati ogni anno.

Limitazioni per differenza d'età

Per le pensioni decorrenti dal 1 gennaio 2012, l'importo dell'assegno mensile viene decurtato nei casi di pensionati deceduti che, in tarda età, avevano sposato persone decisamente più giovani. La norma è stata introdotta dalla Legge n. 111 del 2011, per contrastare il fenomeno delle badanti che, per convenienza, sposano il proprio assistito.

L'aliquota percentuale della pensione a favore dei superstiti viene ridotta in caso in cui l'assistito abbia contratto il matrimonio dopo i 70 anni d'età e la differenza di età tra i coniugi sia superiore a 20 anni. La riduzione è del 10 per cento per ciascun anno di matrimonio mancante rispetto al numero di 10. In caso di frazione di anno, la riduzione percentuale è determinata in proporzione. Tale disposizione non si applica nei casi di presenza di figli di minore età, studenti, o inabili. Resta fermo il regime di cumulabilità.

Temi correlati
Il trattamento minimo
Successione: chi può ereditare e chi no
Parentela e affinità
Anziani e colf-badanti
L'assunzione della colf e della badante
Riscatto per la pensione
La pensione di guerra
Notizie sull'argomento

Pensioni di reversibilità: troppe alle badanti, vanno limitate?

Link consigliato

Inps