Fisco

Deduzioni e detrazioni fiscali per il 2014

Le aliquote Iva

L'Imposta sul Valore Aggiunto (Iva) è un'imposta sui consumi che colpisce ogni fase della produzione di determinati beni e servizi. Secondo la disciplina dell'Unione Europea, l'Iva deve avere un valore compreso tra il 15 e il 25 per cento.

In Italia, l'aliquota ordinaria è del 22 per cento, a seguito dell'incremento entrato in vigore il 1 ottobre 2013.

Il valore aggiunto

Il nome dell'imposta deriva dal fatto che colpisce il "valore aggiunto", cioè l'incremento di valore che si verifica nel passaggio da un operatore economico all'altro, nell'ambito della produzione e distribuzione di beni e servizi. Ad esempio: un'impresa spende una certa cifra per acquistare determinati beni e servizi (come le materie prime), con le quali produrre un determinato bene di consumo. Il valore aggiunto (o "plusvalore") è la differenza tra il valore finale che avrà tale bene e il valore dei beni e servizi che l'azienda ha dovuto acquistare per produrlo. La maggior parte dei beni e servizi richiede vari passaggi, prima di arrivare al consumatore finale. L'Iva si applica a ciascuno di tali passaggi.

Come funziona l'Iva

Attraverso un sistema di detrazione e rivalsa (addebito), l'imposta grava completamente sul consumatore finale, mentre per il "soggetto passivo" d'imposta (l'imprenditore e il lavoratore autonomo) rimane neutrale. Quest'ultimo, infatti, può detrarre l'imposta pagata sugli acquisti di beni e servizi effettuati nell'esercizio d'impresa, arte o professione, dall'imposta addebitata (a titolo di rivalsa) ai propri acquirenti. L'Iva pertanto rappresenta un costo solamente per i soggetti che non possono esercitare il diritto alla detrazione, cioè i consumatori finali.

Aliquote IVA in Italia

Esistono tre aliquote Iva in vigore in Italia:

  • 4 per cento (aliquota minima), applicata ad esempio alle vendite di generi di prima necessità (alimentari, stampa quotidiana o periodica, ecc.);
  • 10 per cento (aliquota ridotta), applicata ai servizi turistici (alberghi, bar, ristoranti e altri prodotti turistici), a determinati prodotti alimentari e particolari operazioni di recupero edilizio;
  • 22 per cento (aliquota ordinaria), da applicare in tutti i casi in cui la normativa non prevede una delle due aliquote precedenti.
Aliquote Iva nei principali Paesi Europei
Paese Aliquota ordinaria Aliquote ridotte
Germania 19 7 - 0
Regno Unito 20 5 - 0
Francia 19,6 5,5 - 2,1
Italia 21 10 - 4
Spagna 18 8 - 4
Polonia 23 8 - 5 - 0
Paesi Bassi 19 6 - 0
Belgio 21 12 - 6 - 0
Svezia 25 12 - 6
Austria 20 12 - 10
Temi correlati

Spese deducibili e detraibili
Pagare le imposte con il modello F24
Lavorare con la partita Iva: come aprirla, come emettere fattura
Partita Iva: contribuenti minimi, il regime agevolato
Risparmiare facendo la spesa
La tassazione delle rendite finanziarie (Bot, Btp, Certificati di deposito, ecc.)

Notizie sull'argomento

Aumento dell'Iva: istruzioni pratiche per l'uso
Approvata la manovra: questi sono i conti per le famiglie
Fisco: aumento Iva, dovremo versare metà dei nostri guadagni