Assistenza Sociale

Invalidità civile

Le persone con minorazioni o infermità di tipo fisico, psichico o sensoriale, che provochino limitazioni di carattere funzionale, possono fare domanda perché venga riconosciuta loro, dall'Inps, l'invalidità civile. Sono considerati invalidi civili i cittadini con difficoltà a svolgere i compiti e le funzioni proprie della propria età, se minori di 18 anni o maggiori di 65, oppure che abbiano una riduzione della capacità lavorativa di almeno un terzo. Il riconoscimento dell'invalidità civile dà diritto ad agevolazioni e prestazioni assistenziali di vario tipo - se si hanno i necessari requisiti, e sulla base di specifiche tabelle - tra cui la pensione d'inabilità, l'indennità di accompagnamento, l'indennità mensile di frequenza e l'assegno sociale.

Invalidi civili: i modelli Inps presentabili al Caf

Ogni anno l'Inps ha l'obbligo di verificare la permanenza dei requisiti per il pagamento delle prestazioni assistenziali agli invalidi civili, tramite la richiesta di moduli ai diretti interessati. I moduli Icric (richiesto ai titolari di indennità di accompagnamento o di frequenza) e Iclav (per i titolari di assegno mensile) vanno presentati per via telematica. Il modo più semplice per effettuare tale spedizione è quello di rivolgersi ad un intermediario abilitato all'assistenza fiscale che, come il Caf Cisl, abbia stipulato una convenzione con l'Inps per questo servizio. Tutto ciò interessa anche gli invalidi civili titolari di indennità di frequenza e i titolari di pensione sociale o di assegno sociale. Per questi ultimi, è stato predisposto il modello Accas/Ps, anch'esso presentabile più facilmente tramite il Caf.