Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

20 NOV
Almanacco
Registrati

Rita: rendita integrativa temporanea anticipata

Pensioni In questo Canale:

Rita: rendita integrativa temporanea anticipata

A proposito di:

Rita, ovvero la Rendita integrativa temporanea anticipata, è una forma sperimentale di anticipo pensionistico che usufruisce i fondi previdenziali integrativi dei lavoratori per l'assegno di pensione

La Rita, ovvero Rendita integrativa temporanea anticipata, i lavoratori potranno uscire da mondo del lavoro in anticipo rispetto a quanto previsto, con una modalità sostanzialmente differente dall’Anticipo pensionistico (Ape).

La Rita differisce dall’Ape in quanto a finanziare l’assegno di pensionamento non è il prestito bancario ma i contributi versati al fondo di previdenza complementare scelto dal lavoratore, riducendone di fatto i tempi della maturazione dei requisiti.

Rita: come funziona

Alla Rendita integrativa temporanea anticipata, in via sperimentale da maggio 2017 fino a dicembre 2018, possono accedere tutti coloro che rispettano i seguenti requisiti:

  • essere lavoratori nati tra il 1951 e il 1953, cioè che abbiano già compiuto 63 anni e a cui manchino 3 anni e 7 mesi alla pensione
  • abbiano aderito in passato a un fondo di previdenza integrativa, al fine di poter finanziare l’assegno pensionistico nella propria carriera lavorativa
  • siano stati versati almeno 20 anni di contributi previdenziali.
Rita: perché è importante valutare prima di richiederla

Alla luce del funzionamento, prima di accedere alla Rendita integrativa temporanea anticipata è necessario valutare attentamente i pro e i contro. Infatti, sebbene consenta una consistente anticipazione dei tempi di uscita dal mondo del lavoro, la scelta di utilizzare i fondi della pensione integrativa potrebbe penalizzare coloro con un fondo pensionistico non particolarmente ricco.

In questo modo, infatti, il rischio che si potrebbe correre è quello di consumare anticipatamente la somma precedentemente accumulata della pensione integrativa, rendendone vani gli scopi iniziali. Diventa dunque fondamentale effettuare una scelta che tenga conto non solo delle esigenze ma anche delle conseguenze ad essa legate.