Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

22 NOV
Almanacco
Registrati

La maggiorazione sociale

Pensioni In questo Canale:

La maggiorazione sociale

A proposito di:

La maggiorazione sociale è una forma di trattamento pensionistico minimo, cui hanno diritto i cittadini senza reddito o con redditi molto bassi

La normativa prevede una maggiorazione sociale della pensione, nel caso in cui il cittadino non possegga redditi o ne disponga in misura limitatissima. Dal 1° gennaio 2002, la Finanziaria ha stabilito un incremento di tale maggiorazione, così da garantire un reddito pari a 516,46 euro al mese per tredici mensilità.

L'importo percepito aumenta di anno in anno, nella stessa misura del trattamento minimo delle pensioni Inps.

Questa prestazione, oltre ad essere legata all’età del pensionato ed all’importo minimo della sua pensione, viene erogata in presenza di determinati limiti di reddito:

  • per il pensionato solo, la somma dell’ammontare annuo del trattamento minimo  e dell’ammontare annuo della maggiorazione sociale;
  • per il pensionato sposato, la somma del limite di reddito determinato come per il pensionato solo, più l'importo annuo dell'assegno sociale.

Per quanto riguarda i redditi, vengono presi in considerazione:

  • redditi di qualsiasi natura, compresi quelli esenti da imposte e quelli soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta o imposta sostitutivi;
  • redditi conseguiti all'estero o assimilati.

Sono invece esclusi

  • i trattamenti di famiglia;
  • il reddito catastale della casa di abitazione;
  • le pensioni di guerra;
  • l'indennittà di accompagnamento di ogni tipo;
  • l'importo aggiuntivo previsto dalla legge 388/2000;
  • i sussidi economici erogati da Comuni ed altri Enti.
Come fare

L’Inps eroga d’ufficio questi aumenti solo per i pensionati che già usufruiscono delle maggiorazioni sociali. Chi invece non ha mai goduto di tali maggiorazioni, deve presentare una domanda, direttamente o tramite patronato, all’Inps. Le domande presentate permettono di ottenere la maggiorazione con decorrenza dal mese successivo alla data di presentazione.

Possono dunque richiedere la maggiorazione coloro che sono titolari di pensioni sociali, trattamento minimo e assegno sociale, fermi restando i requisiti necessari di reddito ed età.