Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

23 SET
Almanacco
Registrati

Polizza casalinghe: le prestazioni assicurative

Pensioni In questo Canale:

Polizza casalinghe: le prestazioni assicurative

A proposito di:

La polizza casalinghe, o Assicurazione casalinghe dell'Inail, consente alle lavoratrici domestiche con un'inabilità superiore al 33 per cento di ottenere una rendita vitalizia non reversibile, che cresce col grado di inabilità

​​Grazie alla polizza obbligatoria per il lavoro domestico dell'Inail​, in caso di inabilità superiore al 33 per cento, la casalinga può chiedere una rendita vitalizia, non reversibile, legata al grado di inabilità. Per il calcolo della liquidazione della rendita, ci si basa sulla retribuzione annua minima del settore industriale.

Per un'invalidità del 33 per cento, la rendita ammonta a 185,41 euro, mentre raggiunge 1.030,05 euro in caso di inabilità del 100 per cento. La prestazione comunque non è automatica, poiché viene erogata solo a coloro che hanno sottoscritto la polizza assicurativa.

In caso di morte, la rendita viene corrisposta ai superstiti (coniuge e figli o in mancanza di essi, a genitori o fratelli). L'ammontare della rendita è pari a 12.608,40 euro, e spetta al 50 per cento al coniuge, al 20 per cento a ciascun figlio, al 40 per cento per i figli orfani di entrambi i genitori, al 20 per cento a genitori o fratelli del defunto, in caso di assenza di coniuge e figli.