Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

19 NOV
Almanacco
Registrati

Polizza casalinghe: le invalidità coperte

Pensioni In questo Canale:

Polizza casalinghe: le invalidità coperte

A proposito di:

L'assicurazione per il lavoro domestico dell'Inail tutela dagli infortuni le persone che lavorano all'interno della casa. L'infortunio o la malattia devono derivare da un incidente avvenuto esclusivamente nell'ambito domestico

L'assicurazione per il lavoro domestico garantisce una prestazione, sia in caso di inabilità permanente al lavoro non inferiore al 27 per cento, sia di morte.

L'infortunio o la malattia devono naturalmente derivare da un incidente avvenuto nell'ambito domestico.

È risarcibile, ad esempio, l’infortunio derivante da attività di cura dell'ambiente domestico, purchè si tratti di lavori di piccola manutenzione. Compiti generalmente svolti da categorie professionali, come riparare un tetto o l'impianto elettrico. 

Anche le attività finalizzate alla cura di persone estranee al nucleo familiare sono tutelate. Il concetto di "cura delle persone", integrato con il valore sociale dell'ospitalità così come inteso nel nostro sistema sociale, è infatti attività "normalmente" svolta nell'ambito domestico. Pertanto preparare un pasto da offrire ad un ospite rientra nel concetto di ospitalità.

La persona assicurata è inoltre tutelata in caso di incidenti legati alla tenuta e allevamento di animali domestici.

Infine si ammette la tutela di incidenti avvenuti nell'ambito delle pertinenze degli immobili adibiti ad uso di civile abitazione. L'Inail stesso, citando l'articolo 817 del Codice Civile, precisa che le "pertinenze" sono "le cose destinate in modo durevole a servizio o ad ornamento di un'altra cosa". Consegue che l'infortunio, per essere tutelato, deve verificarsi in luogo qualificabile come pertinenza. Anche se non contiguo a quello adibito ad abitazione.

Sono esclusi gli infortuni non causati dal lavoro domestico e quelli derivanti da calamità naturali, come il crollo degli immobili. Per raggiungere la percentuale del 33 per cento di inabilità risarcibile, si possono cumulare diverse invalidità.