Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

22 NOV
Almanacco
Registrati

Rimborso pensioni: bonus da agosto nell'assegno

Pensioni In questo Canale:

Rimborso pensioni: bonus da agosto nell'assegno

A proposito di:

Rimborso una tantum dal 1° agosto in base al valore della pensione attuale e rivalutazione a partire dal 2016: questa è la decisione finale sugli assegni che, da giugno, verranno pagati il primo giorno del mese

​​Un bonus ​relativo all'assegno pensionistico già percepito e una rivalutazione a partire dal 2016: questi sono i provvedimenti voluti dal Governo Renzi con il decreto pensioni, ovvero il primo aggiornamento d​opo il provvedimento "Salva Italia" voluto dal Governo Monti del 2011 che aveva bloccato le rivalutazioni per gli importi mensili superiori ai 1443 euro lordi.


Con il provvedimento, arriva anche un'altra novità per tutti coloro che beneficiano di un trattamento previdenziale: a partire dal mese di giugno, il pagamento delle pensioni sarà effettuato il 1° di ogni mese.

Decreto pensioni: il bonus​

Sono dunque 3 milioni e 700mila i pensionati che dal 1° agosto 2015 troveranno nell'assegno, senza necessità di farne richiesta, un bonus una tantum dall'importo variabile in base al valore della pensione precedentemente percepita; la somma, una rivalutazione parziale che varia dal 71,4 al 25%, è così stabilita:


  • per gli assegni fino a 1700 euro lordi: 750 euro;
  • per gli assegni da 1701 e fino a 2200 euro lordi: 450 euro;
  • ​per gli assegni da 2701 e fino a 3200 euro lordi: 278 euro.

​Dal "Bonus Poletti", così è stato ribattezato dal Premier, restano esclusi tutti coloro che attualmente ricevono una pensione il cui importo supera i 3200 euro lordi.​​

Tutti gli importi segnalati sono da considerare al netto della tassazione; quest'ultima, vista la natura di arretrato del bonus, dovrebbe essere una tassazione separata, relativa all'aliquota media relativa agli ultimi anni.

Decreto pensioni: le rivalutazioni

​​​​A partire dal 2016, grazie al processo di rivalutazione delle pensioni gli aventi diritto al trattamento previdenziale percepiranno un aumento di reddito, variabile in base alla fascia di appartenenza, secondo questi riferimenti:

  • 180 euro l'anno, 14 euro/mese, per le pensioni da 1700 euro lordi;
  • 99 euro l'anno, 8 euro/mese, per le pensioni da 2200 euro lordi;
  • 60 euro l'anno, 5 euro/mese, per le pensioni da 2700 euro lordi.