Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

22 NOV
Almanacco
Registrati

Le Casse di previdenza dei professionisti

Pensioni In questo Canale:

Le Casse di previdenza dei professionisti

I liberi professionisti iscritti agli Albi non ricevono la pensione dall'Inps, ma dalla propria Cassa di previdenza. Le regole, però sono di fatto le stesse

Le Casse di previdenza sono gli enti previdenziali di riferimento per i liberi professionisti. Esse hanno come principale attività quella di riscuotere e gestire i contributi previdenziali e assistenziali dei propri iscritti:

  • dal punto di vista previdenziale, le Casse provvedono a riscuotere i contributi e a corrispondere le pensioni ai professionisti iscritti;
  • dal lato assistenziale, le Casse si occupano del pagamento delle prestazioni aggiuntive finalizzate a sostenere il reddito dei loro iscritti (come gli assegni familiari, gli assegni di disoccupazione, gli assegni comunali per la maternità e così via) e delle prestazioni di natura prettamente assistenziale (come la copertura sanitaria degli iscritti e dei loro familiari).

I professionisti iscritti agli Albi professionali sono obbligati ad iscriversi alla propria Cassa di riferimento e a versare regolarmente i contributi previdenziali richiesti. Chi svolge una professione non rappresentata da una Cassa autonoma è invece obbligato ad iscriversi alla Gestione separata dell’Inps.

I contributi da versare

Normalmente, il professionista è tenuto a pagare annualmente una quota di contributi calcolata in percentuale rispetto al proprio reddito ("contributo soggettivo"). Ad essa si aggiunge il "contributo integrativo", un'altra quota di importo minore, che va aggiunta ad ogni fattura e viene versata dal cliente del professionista. Alcune Casse hanno anche, in aggiunta, il "contributo di maternità", che serve a pagare l'indennità di maternità alle professioniste in caso di nascita di un figlio. Se il reddito è al di sotto di una certa soglia, la persona è comunque tenuta a pagare una quota minima, sia per il contributo soggettivo, sia per quello integrativo.

L'età pensionabile

Per l'età in cui andare in pensione, ogni Cassa ha le proprie regole. Per gli avvocati è 70 anni; per i consulenti del lavoro, 70 anni; per i dottori commercialisti, da 61 a 70 anni, se iscritti prima del 2004, altrimenti 62 anni; per i farmacisti, 68 anni più l'aspettativa di vita; per i geometri, 67 anni con pro rata, 70 anni con contributivo; per i giornalisti, 65 anni; per ingegneri e architetti, 66 anni più l'aspettativa di vita; per i medici, 68 anni; per i notai, 75 anni o 67 anni (con 30 anni di esercizio effettivo); per i ragionieri, 68 anni; per i veterinari, 68 anni.

La regolamentazione delle Casse

Le Casse, autonome e finanziate in toto dai propri iscritti​, sono sottoposte alla vigilanza del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Le norme di riferimento sono: la Legge n. 537 del 1993, il Decreto legislativo n. 509 del 1994, la Legge n. 335 del 1995, il Decreto legislativo n. 103 del 1996 e la Legge n. 111 del 2011 (quest'ultima solo per ciò che riguarda i professionisti già pensionati).