23 DIC
Almanacco
Registrati

T

Regole per un buon vicinato

Casa In questo Canale:

Regole per un buon vicinato

A proposito di:

I preziosi consigli da seguire per convivere felicemente coi propri vicini di casa, oppure per difendersi, nel caso qualcuno di loro non rispetti le regole della convivenza civile, mettendo in atto comportamenti di disturbo o di danno nei nostri confronti

​​Per chi abita in un condominio, è fondamentale rispettare le regole di buon vicinato, per evitare di invadere la libertà degli altri o vedere limitata la propria.
Ecco alcuni utili consigli da seguire per una buona convivenza:

  1. l’ora del silenzio va, di regola, dalle 14 alle 16 e dalle 22 alle 7 (gli orari sono stabiliti dal proprio Comune di residenza), tuttavia il rispetto della tranquillità del prossimo è una regola valida tutto il giorno;
  2. evita di tenere al massimo il volume dello stereo e della televisione, e se proprio hai bisogno di un volume alto, prendi in seria considerazione l'uso delle cuffie: ce ne sono anche modelli senza fili;
  3. se devi fare dei lavori nel tuo appartamento, evita di usare trapano, frullino o altri attrezzi rumorosi di notte, di mattina presto e, se possibile, dalle 14 alel 16;
  4. non usare gli spazi comuni come fosse una tua esclusiva proprietà: il cortile non è un garage privato, le auto e i motorini vi possono sostare solo per caricare e scaricare il portabagagli;
  5. non fare giocare i bambini nei cortili, sulle scale o nei terrazzi negli orari stabiliti per il silenzio;
  6. non lasciare mobili o altri oggetti ingombranti sui pianerottoli o negli spazi comuni;
  7. non lasciare l'immondizia sul pianerottolo;
  8. non mettere le piante fuori dal perimetro dei balconi o sulle finestre, in posizioni pericolose; quando le innaffi, cerca di non bagnare i muri e non far scolare l’acqua nei balconi sottostanti;
  9. non rechiamo danno ai muri, alle scale, all'ascensore e alle rifiniture del palazzo trasportando mobili e oggetti senza le opportune attenzioni;
  10. non fare riparazioni murarie nei locali comuni, senza il consenso dell'amministratore.

Ciascuno cerchi di rispettare queste regole, per andare d’accordo con i vicini di casa. Tuttavia, se qualcuno subisce danni o disturbo e i suoi richiami non vengono ascoltati, è opportuno che si rivolga all’amministratore di condominio. Se i fastidi continuano, si può ricorrere al Giudice di pace: per contattarlo, bisogna recarsi all’Ufficio dei diritti del cittadino del proprio Comune.​