Intrage - mobbing

Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

20 NOV
Almanacco
Registrati

Cerca un argomento:

mobbing

Come difendersi dal mobbing

Come difendersi dal mobbing
Ecco le regole da seguire non appena ci si accorge di essere una possibile vittima del mobbing all'interno del luogo di lavoro, sia come atteggiamento generale, sia come misure per difendersi e fare valere i propri diritti

Gli effetti del mobbing

Gli effetti del mobbing
Il mobbing ha conseguenze di portata enorme sulla persona direttamente soggetta agli abusi, con effetti che si sviluppano secondo una gamma varia e sempre più grave, man mano che le aggressioni proseguono nel tempo

Le cause del mobbing

Le cause del mobbing
Le cause scatenanti dell’abuso psicologico perpetuato sul posto di lavoro vanno ben oltre le antipatie, le gelosie e le frustrazioni. Spesso c'è di mezzo una conflittualità causata da motivazioni organizzative, ma anche l'evoluzione delle competenze professionali

Legge sul mobbing, tutele e diritti dei lavoratori

Legge sul mobbing, tutele e diritti dei lavoratori
Dal punto di vista giuridico, pur in assenza di una legge specifica sul mobbing, nel nostro ordinamento esistono diverse norme, costituzionali e civilistiche, che permettono di difendersi dai comportamenti persecutori che avvengono in ambito lavorativo

Il mobbing in cifre

Il mobbing in cifre
I lavoratori italiani vittime del mobbing sono circa un milione e mezzo, su 21 milioni di occupati, con una maggiore incidenza al Nord (65 per cento) tra le donne (52 per cento) e nella pubblica amministrazione (70 per cento). Il costo per il datore di lavoro è però molto elevato

Cos'è il mobbing

Cos'è il mobbing
Nell’ambito lavorativo per mobbing s'intende una pratica persecutoria o di violenza psicologica perpetrata dal datore di lavoro o da colleghi nei confronti di un lavoratore, per costringerlo alle dimissioni o comunque ad uscire dall’ambito lavorativo