Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

19 NOV
Almanacco
Registrati

Vaccinazioni per i viaggi e terapia anti-malaria

Sanità In questo Canale:

Vaccinazioni per i viaggi e terapia anti-malaria

A proposito di:

Quando si viaggia all'estero è fondamentale effettuare tutti i vaccini richiesti dalla legge, soprattutto se non si vuole rischiare di contrarre malattie infettive particolarmente pericolose come la malaria

Viaggiare all'estero - specialmente in certi Paesi - può comportare il rischio di contrarre malattie infettive non presenti in Italia, come ad esempio la febbre gialla, la malaria o la diarrea del viaggiatore.

Il rischio di infezione dipende dal tipo di viaggio, dall'itinerario e dai comportamenti degli stessi viaggiatori,  in particolare rispetto all'igiene. Alcune malattie possono essere prevenute mediante vaccini, ma per alcune infezioni, fra cui anche le più importanti e pericolose, non esistono vaccinazioni efficaci.

Le "malattie del viaggiatore"

Ecco quali sono le principali malattie che è possibile contrarre viaggiando: Amebiasi; Chikungunya; Colera; Dengue; Diarrea del viaggiatore; Encefalite giapponese; Febbre gialla; Febbre tifoide; Hiv-Aids; Malaria; Meningite meningococcica; Shigellosi.

Maggiori informazioni su tali malattie sono reperibili sul sito Viaggiare Sicuri, gestito dal Ministero degli affari esteri.

La malaria

La malaria è una malattia infettiva provocata da parassiti veicolati all'uomo da zanzare. Si stima che tale malaria provochi 1 milione di morti all'anno, la maggior parte dei quali in Africa Sub-Sahariana. Le donne in gravidanza e i bambini sono particolarmente esposti al rischio di gravi conseguenze. I sintomi sono febbre con brividi, sudorazione, mal di testa, dolori muscolari, mal di schiena, tosse, nausea, vomito e diarrea. Si trasmette sempre e solo tramite contagio di zanzare, mai per contagio interumano diretto. Al momento non esistono vaccini contro la malaria.

La prevenzione è possibile assumendo determinati farmaci, sotto in controllo del medico, e adottando certi comportamenti, come: l'uso di zanzariere, di repellenti cutanei e ambientali e l'impiego di indumenti adatti.

Le aree geografiche a maggior rischio di malaria sono la maggior parte delle regioni africane, tranne che in altitudine; il bacino amazzonico, in America latina e alcune parti rurali del Sud-Est Asia.

Prevenire le malattie veicolate da insetti

Ecco le misure di prevenzione personale dagli insetti formulate dal Ministero della Salute:

  • evitare se possibile di uscire fra il tramonto e l'alba;
  • indossare abiti di colore chiaro, con maniche lunghe e pantaloni lunghi;
  • evitare l’uso di profumi;
  • applicare sulla pelle esposta repellenti per insetti, ripetendo l’applicazione ogni 2-3 ore, in caso di sudorazione intensa;
  • alloggiare preferibilmente in stanze dotate di aria condizionata o per lo meno di zanzariere alle finestre;
  • usare zanzariere sopra il letto, impregnandole con insetticidi;
  • spruzzare insetticidi a base di piretro e di permetrina nelle stanza di soggiorno e nelle stanze da letto, facendo attenzione ai bambini o agli ambienti chiusi.
Prevenire le malattie trasmesse da alimenti

L’Organizzazione Mondiale della Sanità suggerisce i seguenti punti:

  • scegliere i prodotti che abbiano subito trattamenti idonei ad assicurarne l'innocuità (ad esempio il latte pastorizzato);
  • cuocere bene i cibi e consumarli immediatamente dopo la cottura; altrimenti riporli subito in frigo, e per un tempo di permanenza limitato;
  • riscaldare rapidamente e ad alta temperatura eventuali cibi precedentemente cotti;
  • evitare ogni contatto fra cibi crudi e cotti;
  • curare particolarmente l'igiene delle mani;
  • pulire accuratamente tutte le superfici della cucina, gli utensili ed i contenitori;
  • proteggere gli alimenti dagli insetti, dai roditori e dagli altri animali;
  • utilizzare solo acqua potabile.
Le vaccinazioni

Per quanto riguarda le vaccinazioni in fase di programmazione del viaggio, è necessario contattare il Centro di Profilassi e Vaccinazioni Internazionali della Asl della zona di residenza: tale struttura ha il compito di tutelare la salute di chi è in procinto di partire e di dare informazioni su quanto è opportuno fare. 

Alcuni Paesi hanno reso obbligatoria, anche per i turisti, la vaccinazione contro alcuni agenti infettivi, molto pericolosi e diffusi sul territorio. In altri Paesi, il vaccino contro alcune malattie non è obbligatorio, ma è fortemente consigliato.

Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos