Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

12 DIC
Almanacco
Registrati

Le spese mediche detraibili dalle tasse

Sanità In questo Canale:

Le spese mediche detraibili dalle tasse

A proposito di:

Ogni anno, al momento di presentare la dichiarazione dei redditi, è possibile detrarre dalle imposte Irpef dovute il 19 per cento delle spese sostenute per cure mediche e assistenza sanitaria. Ecco le regole da seguire

Il 19 per cento delle spese sostenute per cure mediche e per l'assistenza sanitaria può essere detratto, scalato cioè dalle tasse da versare, calcolate sul reddito annuale. La detrazione è applicata però solo per somme eccedenti 129,11 euro.

La detrazione delle spese mediche si effettua una volta l'anno, al momento di presentare la dichiarazione dei redditi. Le spese detraibili sono quelle effettuate nell'anno solare a cui si riferisce la dichiarazione.

Quali spese sono ammesse

Sono detraibili le spese per:

  • interventi chirurgici necessari e trapianti;
  • medicinali non rimborsabili o rimborsabili in parte, conservando la prescrizione del medico e la ricevuta di pagamento o lo scontrino fiscale; per i medicinali senza prescrizione, è necessaria un'autocertificazione che ne attesti la necessità;
  • visite mediche di medici generici, specialisti e omeopati;
  • assistenza di infermieri e fisioterapisti (paramedici);
  • esami di laboratorio, indagini radioscopiche e cure prescritte da un medico;
  • protesi sanitarie prescritte da un medico;
  • cure dentistiche;
  • affitto o acquisto di attrezzature sanitarie (macchine per aerosol, per misurare la pressione, altro) purché da scontrino o fattura risulti il soggetto che sostiene la spesa e la descrizione del dispositivo a marchio CE;
  • cure termali prescritte da uno specialista (a esclusione di viaggio e pernotto);
  • cure mediche e medicine per una persona anziana ricoverata in un Istituto; le spese devono essere documentate separatamente e comprovate dallo scontrino fiscale (non sono detraibili la retta di ricovero e l'assistenza ordinaria);
  • spese sanitarie fatte da un familiare, non fiscalmente a carico, che soffra di una tra quelle malattie che danno diritto all'esenzione dalle spese sanitarie; in questo caso, è possibile detrarre la parte che il malato stesso non può detrarre dalla sua dichiarazione dei redditi, fino ad un massimo di 6.197,48 euro;
  • alcune polizze assicurative.

Le spese mediche sostenute e rimborsate nell'ambito di una polizza malattia possono essere dedotte. Non sono detraibili le spese sostenute per il trasporto in ambulanza.

I portatori di handicap e gli invalidi o i propri familiari non sono soggetti alla franchigia di 129,11 euro e possono detrarre anche le spese per i mezzi per la deambulazione e per i sussidi tecnici informatici (poltrone, arti artificiali, costruzione di rampe, trasporto in ambulanza, fax, modem, computer, altro), e per l'adattamento delle auto alle limitazioni della persona (la detrazione spetta una volta in 4 anni per una sola macchina e per non più di 18.075,99 euro).

I non vedenti possono detrarre anche 516,46 euro l'anno per il mantenimento del cane guida e possono dedurre, anziché detrarre, le spese mediche ed infermieristiche.

Quali farmaci sono ammessi

Per riconoscere farmaci e parafarmaci detraibili è necessario che essi appartengano a una delle seguenti categorie:

  • riportino le diciture farmaco, medicinale, o abbreviazioni come med. o f.co che indicano inequivocabilmente farmaci e rientrano in quanto descritto nella risoluzione m° 156/2007 dell'Agenzia delle Entrate;
  • dispongano di codice per l'autorizzazione all'immissione in commercio Aic;
  • prodotti omeopatici secondo quanto riportato nel Decreto legislativo 219/2006;
  • farmaci galenici officinali e magistrali: preparati dietro prescrizione medica
  • medicinali fitoterapici: è necessario che siano medicinali (secondo la Risoluzione 396/2008 dell'Agenzia delle Entrate)
  • Sop-Otc: farmaci da banco o per automedicazione senza prescrizione medica (secondo la Risocluzione 10/2010 dell'Agenzia delle Entrate).
Quali spese non sono ammesse

Non sono detraibili in alcun modo le spese per integratori alimentari e prodotti fitoterapici, cosmetici, pomate, colliri.

Scontrini fiscali

La detrazione delle spese mediche richiede che, per ciascuna di esse, si disponga del relativo "scontrino fiscale parlante", che riporti natura, qualità, quantità e prezzo di ciascun farmaco o prestazione.

Gli scontrini devono obbligatoriamente riportare il codice fiscale dell'acquirente. Per ottenere ciò, è necessario presentare al farmacista, prima dell'acquisto, la propria Tessera Sanitaria.

Gli scontrini vanno conservati per 5 anni. È bene conservarli al riparo dalla luce, perché non si scolorino. Una misura di sicurezza, in tal senso, può essere quella di conservarne anche una fotocopia. Meglio ancora è digitalizzare con lo scanner gli scontrini, alla fine dell'anno, e conservare il file su internet. Un modo per farlo è spedirselo su un account di posta di quelli che si leggono sul web, tipo la Gmail o Libero. Oppure caricarlo su un servizio di archiviazione tipo Google Drive o DropBox.

Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos