Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

13 DIC
Almanacco
Registrati

La ricetta medica ripetibile

Sanità In questo Canale:

La ricetta medica ripetibile

A proposito di:

La ricetta ripetibile è un tipo di prescrizione valida per l’acquisto ripetuto in farmacia di un certo farmaco. Può essere solo del tipo bianco, su carta intestata del medico, e non una ricetta "rossa" del Ssn. Ha una validità di sei mesi, e può essere riutilizzata per dieci volte

La ricetta ripetibile è un tipo di prescrizione valida per l’acquisto ripetuto in farmacia di un certo farmaco. La ricetta ripetibile può essere solo del tipo bianco, su carta intestata del medico, e non una prescrizione del Ssn. Essa ha una validità di sei mesi, e può essere riutilizzata per dieci volte, in questo arco temporale, ogni volta per acquistare una sola confezione

Ogni volta che ci si reca in farmacia per comprare quel farmaco, il farmacista deve apporre sulla ricetta ripetibile il proprio timbro, annotarne il prezzo e la data di vendita e restituire la ricetta al cliente.

La validità della ricetta medica ripetibile, così come il numero di confezioni ritirabili, può essere modificata dal medico: questo è il significato della frase che compare sulla confezione dei farmaci "salvo diversa indicazione del medico prescrivente". Il medico può, infatti, scrivere sulla ricetta medica più di una confezione. In questo caso, la ricetta è considerata non ripetibile e vale per il numero di confezioni specificato. Il medico può anche variare, aumentandolo o diminuendolo, il tempo di validità della ricetta medica ripetibile.

Caratteristiche

Per essere valida, la ricetta ripetibile deve riportare chiaramente:

  • il nome del farmaco o del principio attivo;
  • la data di compilazione della ricetta;
  • i dati che identificano il medico che l’ha redatta, cioè un'intestazione chiara o un timbro leggibile e la firma del medico.

Non è invece necessario indicare nella ricetta il nome o l’età dell’assistito, o il dosaggio del medicinale. Se, però, non è indicato il dosaggio, il farmacista deve dare la confezione con la minore quantità possibile di farmaco.

Con questo tipo di ricetta medica, si deve pagare per intero il prezzo del farmaco, anche nel caso in cui il medicinale rientri fra quelli erogati gratuitamente o a prezzo ridotto dal Servizio Sanitario Nazionale. Per usufruire della convenzione sul prezzo, è necessaria la ricetta medica del Servizio Sanitario Nazionale, quella "rossa".

Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos