Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

12 DIC
Almanacco
Registrati

La ricetta medica elettronica

Sanità In questo Canale:

La ricetta medica elettronica

A proposito di:

Da marzo 2016 è possibile effettuare l’acquisto di farmaci con prescrizione medica anche fuori dalla regione di residenza grazie alla ricetta online che, attraverso un sistema informatico dedicato, collega tutte le farmacie italiane

La ricetta medica diventa elettronica: a partire da marzo 2016 acquistare farmaci diventa più agevole anche fuori dalla regione di residenza grazie all’aggiornamento della piattaforma Sac gestita da Sogei che mette in comunicazione medici e farmacie su tutto il territorio italiano. Il sistema permette anche una migliore tracciabilità di tutte le prescrizioni effettuate, evitando la possibilità di falsificazioni e truffe.

Nata attraverso il progetto avviato con l’approvazione della legge 326 del 2003, la ricetta dematerializzata è solo l’ultimo passo di un cammino che in passato ha introdotto la tessera sanitaria e l’invio dei dati delle ricette da parte di farmaci e medici con lo scopo di monitorare la spesa farmaceutica e specialistica a carico del Servizio Sanitario Nazionale, eliminando gradualmente ma in maniera definitiva tutti i supporti cartacei.

Ricetta elettronica: come funziona

Utilizzare la ricetta elettronica è semplice, in ogni suo passaggio: a doverla rilasciare è il medico che, dopo essersi collegato al proprio computer, assegna a ogni paziente un codice che viene associato in maniera univoca al codice fiscale; come promemoria, il medico consegna anche un foglio riportante Nre (come viene chiamato in gergo tecnico il suddetto numero), codice fiscale ed eventuali esenzioni, per reddito o patologia in base ai casi specifici.

Tale numero, assegnato dalla Asl di competenza e rilasciato dal sistema centrale di Sogei, può essere utilizzato non solo per i medicinali ma anche per tutte le esigenze mediche dell’assistito, come visite specialistiche o analisi di laboratorio.

In farmacia con la ricetta elettronica

Una volta rilasciata la ricetta elettronica, il paziente riceve dal medico un promemoria indicante l’identificativo della prescrizione da comunicare al farmacista presentando congiuntamente il proprio codice fiscale; con queste informazioni, la farmacia eroga il farmaco richiesto e comunica in tempo reale alla piattaforma le specifiche del medicinale, quali codice AIC e numero seriale della confezione, prezzo comprendente eventuali sconti oltre a ticket ed esenzioni collegate direttamente al richiedente.

In caso di assenza di linea o problemi di accesso al server da parte della farmacia, l’assistito può comunque ricevere il farmaco prescritto o accedere alle prestazioni riportate nella ricetta; infatti, a far fede resta il promemoria medico: in un secondo tempo, sarà premura dello specialista o del farmacista comunicare alla piattaforma Sogei per allineare lo storico di ogni paziente.

Ricetta elettronica: i vantaggi

Grazie al sistema di ricetta elettronica, ogni medico potrà avere costantemente sotto controllo l’intera storia medica del paziente, potendo verificare le tempistiche di assunzione dei medicinali verificandone l’effettivo funzionamento ed eventuali utilizzi eccessivi nel tempo.

Allo stesso modo, tale possibilità di consultazione diventa di fondamentale importanza per la richiesta di prestazioni mediche specialistiche a carico del Servizio Sanitario Nazionale, evitando gli sprechi limitandole ai casi di reale necessità.

Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos