Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

12 DIC
Almanacco
Registrati

I rimedi contro le scottature solari

Sanità In questo Canale:

I rimedi contro le scottature solari

A proposito di:

La scottatura solare derivata dall'esposizione diretta al sole o alle lampade abbronzanti può essere estremamente deleteria per la salute della pelle; impariamo a evitarla e a curarla

​​​​​​​​​​​La scottatura è un'infiammazione della pelle dovuta all'eccessiva esposizione ai raggi ultravioletti del sole o delle lampade solari, che penetrano nella pelle e rompono due delle principali proteine che la compongono: il collagene e l'elastina.

I segni evidenti di una scottatura sono gonfiori e arrossamenti, pelle dolorante e presenza di bolle acquose. Nelle situazioni più gravi può essere presente febbre, nausea e vomito. In casi estremi può apparire anche confusione mentale.

I rimedi

Nei casi di lievi scottature, di seguito alcuni piccoli rimedi per ottenere un po' di sollievo:

  • applicare crema o gel all'aloe vera, la sostanza naturale considerata più efficace contro le scottature, anche per le sue proprietà cicatrizzanti;
  • fare degli impacchi freddi e umidi, che riducono il calore e il dolore; anche docce e bagni sono utili per prevenire il peggioramento dell'ustione;
  • applicare una fetta di patata cruda sulla scottatura per avere un’immediata sensazione di freschezza ed evitare l'insorgere di vesciche; la patata va tenuta almeno 15 o 20 minuti;
  • mantenere l’organismo idratato, bevendo molta acqua, sia quando si è all'aperto sotto il sole, sia successivamente;
  • mangiare frutta e verdura colorata - quella che contiene i "bioflavonoidi", in particolare agrumi, carote e peperoni - perché aiuta nel processo di guarigione della pelle;
  • utilizzare alcune creme rinfrescanti o per bambini, che contribuiscono a dare umidità alla pelle.

È importante invece ricercare l'aiuto di un medico se la temperatura del corpo è superiore a 38°C, se si presentano vomito o diarrea o se la febbre e il dolore durano per più di 2 giorni.

Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos