Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

24 NOV
Almanacco
Registrati

La Guardia Medica

Sanità In questo Canale:

La Guardia Medica

La guardia medica è un servizio di continuità assistenziale che garantisce l'assistenza di un medico di base o di un pediatra in situazioni di emergenza, che si presentino durante la notte o nei giorni prefestivi e festivi

​​​​​​​​​​​​La guardia medica, cioè il servizio di continuità assistenziale, garantisce l'assistenza di un medico di base o di un pediatra in situazioni di emergenza, che si presentino durante la notte o nei giorni prefestivi e festivi. Il servizio è quindi attivo tipicamente dalle 20.00 alle 8.00 nei giorni feriali e dalle 10.00 del sabato o di un qualsiasi giorno prefestivo alle 8.00 del lunedì o del primo giorno feriale seguente. Al di fuori di questi orari, chi ha necessità di un medico, si deve rivolgere al proprio medico di base o al proprio pediatra.


La prestazione è gratuita e può essere richiesta telefonando al numero indicato nelle prime pagine degli elenchi telefonici della propria città. Altrimenti, può essere richiesta al numero telefonico di emergenza 118 (112 nella province dove è stato attivato già il numero unico per le emergenze).


A cosa serve

I compiti della guardia medica sono i seguenti:



  • assicurare il pronto intervento urgente, anche a domicilio, nelle ore in cui il medico di famiglia non è reperibile;

  • prescrivere i farmaci necessari per le terapie d'urgenza; la quantità prescritta deve essere sufficiente per non più di 3 giorni;

  • redigere un certificato di malattia in caso di necessità, di durata non superiore ai 3 giorni;

  • disporre, se opportuno, il ricovero in ospedale.

A cosa non serve

I medici di guardia non possono svolgere i seguenti compiti:



  • prescrivere medicinali ordinati da altri medici o dall'ospedale, al momento della dimissione;

  • assicurare le prestazioni ambulatoriali non urgenti;

  • prescrivere analisi, visite specialistiche o cicli di terapia;

  • prescrivere farmaci o fare certificati a persone diverse da quelle per cui è stato richiesto l'intervento.
Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos