Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

29 MAG
Almanacco
Registrati

La donazione degli organi

Sanità In questo Canale:

La donazione degli organi

A proposito di:

È possibile diventare donatori di organi dichiarando la propria disponibilità in vari modi: iscrivendosi ad un apposito registro, redigere una semplice dichiarazione di volontà oppure recandosi presso Asl attrezzate per collegarsi al Centro Nazionale Trapianti

​La donazione di tessuti o di organi è possibile solo per quelle persone che, ricoverate nei reparti di rianimazione degli ospedali per incidenti o per altre cause, non riescono a recuperare e vanno incontro a morte clinica. Possono essere donatori di organi le persone decedute in ospedale che abbiano dichiarato la loro disponibilità, in uno dei seguenti modi:

  • iscrivendosi al registro dei donatori dell'Associazione Italiana Donatori di Organi;
  • dichiarando di voler donare i propri organi dopo la morte in una "Dichiarazione di Volontà", conservata nel portafogli o consegnata ai familiari, che riporti nome, cognome, data e luogo di nascita, data e firma;
  • compilando e portando con sé il tesserino di dichiarazione di volontà sulla donazione di organi e tessuti;
  • recandosi presso alcune Asl già attrezzate per la registrazione e la gestione dei dati dell'anagrafe sanitaria e collegate al Centro Nazionale Trapianti.

Se la persona non ha espresso la propria volontà, l’autorizzazione per il trapianto deve essere richiesta al coniuge non separato o al convivente legalmente registrato, ai figli maggiorenni, ai genitori, al rappresentante legale. Per i minorenni è necessario l’assenso di entrambi i genitori. L'opposizione al volere del donatore non è consentita.

La regola del silenzio-assenso, per il quale chiunque può essere considerato donatore a meno che non abbia esplicitamente manifestato la propria volontà contraria, si basa sul principio del consenso informato: entrerà in vigore solo dopo che le Asl abbiano contattato personalmente tutti i cittadini. Date le difficoltà oggettive dell'operazione, è verosimile che ciò potrà essere attuato in futuro, quando la tessera sanitaria informatizzata sarà operativa in tutto il territorio nazionale.

La non disponibilità ad essere donatore di organi, si esprime sempre attraverso una "Dichiarazione di Volontà", in cui, si dichiara di non voler donare i propri organi dopo la morte.

Il trapianto è la sostituzione di un organo o di un tessuto malato o danneggiato con un altro sano, che può provenire da un’altra parte del corpo della stessa persona malata, il trapianto autologo, o da un’altra persona donatrice, il trapianto omologo. Laddove fosse riscontrata nel donatore una malattia infettiva trasmissibile, è compito dei medici valutare l'idoneità dell'organo o del tessuto, con specifici esami.

Cosa si può donare coi trapianti omologhi
Organi​Tessuti
  • Reni
  • Fegato
  • Cuore
  • Pancreas
  • Polmoni
  • Intestino
  • Corn​ee
  • Tessuto osseo
  • Cartilagini
  • Ten​dini
  • Cute
  • Valvole cardiache
  • Vasi sanguigni
​Per approfondire​​

La morte clinica​ (pdf)

Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos