Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

20 OTT
Almanacco
Registrati

Cosa sono i farmaci

Sanità In questo Canale:

Cosa sono i farmaci

A proposito di:

L'Organizzazione Mondiale della Sanità definisce farmaci "tutti i composti che, introdotti in un organismo vivente, possono modificarne una o più funzioni". I farmaci efficaci possono avere due tipi di effetti: cureare le cause di una malattia o diminuirne i sintomi

L'Organizzazione Mondiale della Sanità definisce farmaci "tutti i composti che, introdotti in un organismo vivente, possono modificarne una o più funzioni". I farmaci sono dunque delle sostanze, delle molecole, capaci di interagire con i processi dell’organismo. I farmaci efficaci, cioè le medicine o i medicamenti, possono avere due tipi di effetti:

  • curare le cause di una malattia, ad esempio eliminando un batterio dannoso;
  • diminuirne i sintomi di una malattia, ad esempio abbassando la febbre o diminuendo il dolore.
Composizione dei farmaci

Tutti i farmaci sono costituiti da principi attivi e da vari eccipienti. Il principio attivo è il componente dei farmaci da cui dipende la sua azione curativa, cioè il medicinale vero e proprio. Due farmaci con lo stesso principio atttivo - ad esempio il commerciale e il generico - hanno lo stesso effetto.

Gli eccipienti sono invece delle sostanze innocue che non curano la malattia, ma che possono svolgere altre funzioni complementari:

  • proteggere il principio attivo dagli agenti esterni che potrebbero danneggiarlo (il caldo, il freddo, l’umidità o altre sostanze chimiche);
  • permettere di aumentare il volume della dose di farmaco (la quantità di principio attivo necessario per ogni dose è microscopica, 100-500 milligrammi);
  • evitare la sedimentazione del principio attivo sul fondo dei contenitori;
  • facilitare l’assorbimento del principio attivo dei farmaci nell’organismo, ad esempio aiutandolo a sciogliersi;
  • rendore il sapore dei farmaci più gradevole, quando necessario.

Tra gli eccipienti più comuni troviamo l’amido, la cellulosa, il talco, l’acqua, il saccarosio. È importante che le persone intolleranti ad alcune sostanze, o che soffrono di malattie come il diabete, informino il proprio medico ed il farmacista, per metterli in grado di scegliere i farmaci adatti.

Requisiti richiesti

Perchè un farmaco sia in commercio, deve essere di qualità, sicuro ed efficace. Ecco cosa significa.

  • La qualità di un farmaco assicura che i suoi ingredienti siano effettivamente "puri", privi cioè di altre sostanze contaminanti; un farmaco di qualità è anche "potente", nel senso che la quantità di principio attivo contenuta è tale da assicurare l’effetto terapeutico richiesto.
  • La sicurezza di un farmaco implica che i benefici attesi come effetto della sua somministrazione siano superiori ai rischi, se preso secondo le dosi e le condizioni d'uso prescritte.
  • L'efficacia di un medicinale, infine, è indice che i suoi effetti benefici sono stati dimostrati inun gran numero di persone malate.


Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos