Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

29 MAG
Almanacco
Registrati

Classificazione e prescrizione dei farmaci

Sanità In questo Canale:

Classificazione e prescrizione dei farmaci

A proposito di:

Le tre fasce nelle quali sono classificati i farmaci per i quali è richiesta la prescrizione di un medico, garantiti dal Servizio Sanitario Nazionale, in base al ruolo, essenziale o meno, che essi rivestono per la salute del cittadino

​Tutti i farmaci prescrivibili, garantiti dal Servizio Sanitario Nazionale, sono stati classificati in due fasce (più una per gli ospedali), in base al ruolo, essenziale o meno, che essi rivestono. Per l'acquisto di questi medicinali è comunque richiesta la prescrizione, da parte del medico di medicina generale o del medico specialista. 

La classificazione dei farmaci influisce sul prezzo che il singolo cittadino deve pagare:

  • la fascia A comprende tutti i farmaci essenziali e per malattie croniche, che sono gratuiti per il cittadino; su questi farmaci le Regioni sono comunque libere di applicare eventualmente un ticket;
  • la fascia C comprende invece quei farmaci che, non essendo considerati essenziali, sono completamente a carico del cittadino;
  • la fascia H interessa invece i farmaci di esclusivo uso ospedaliero, non vendibili ai cittadini presso le farmacie aperte al pubblico, ma utilizzabili o distribuibili solo nell'ambito delle strutture sanitarie pubbliche.

Si noti che manca la fascia B, ormai abolita, la quale comprendeva i farmaci ritenuti utili ma non essenziali, per i quali le Regioni potevano applicare un ticket variabile. Una parte dei farmaci della fascia B è confluita nella A ed un'altra parte nella C.

C'è poi un ulteriore gruppo, di farmaci antinfiammatori, che sono gratuiti solo se necessari per la cura di specifiche malattie, come alcuni tipi di artrosi, di tumori e di gotta.

I prodotti da banco e su consiglio

I farmaci in fascia C possono essere a loro volta suddivisi in:

  • farmaci soggetti a prescrizione medica;
  • farmaci senza obbligo di prescrizione medica, i quali comprendono, a loro volta:
    • prodotti da banco, utilizzabili senza l’intervento di un medico per la diagnosi, la prescrizione o la sorveglianza nel corso del trattamento, i quali possono essere oggetto di pubblicità;
    • farmaci su consiglio, che vengono anch'essi assunti in assenza di controlli medici, ma possono promuovere l'insorgenza di reazioni avverse gravi, dovute principalmente a interazioni con altri farmaci, presenza di patologie concomitanti, uso improprio o abuso.
Il prezzo di riferimento

farmaci generici essenziali sono stati suddivisi in "categorie omogenee", comprendenti tutti i prodotti composti dallo stesso principio attivo. Per ogni categoria, è stato poi fissato un prezzo di riferimento, cioè l'importo massimo che lo Stato paga per tutti i farmaci inseriti in quella categoria. L'eventuale prezzo eccedente è a carico del cittadino. Quest'ultimo, per ridurre la spesa, può chiedere al farmacista o al proprio medico di famiglia un prodotto equivalente, il farmaco generico, il cui costo sia totalmente coperto dal Servizio Sanitario Nazionale.​

Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos