Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

13 DIC
Almanacco
Registrati

Cartella clinica: come richiederla

Sanità In questo Canale:

Cartella clinica: come richiederla

A proposito di:

La cartella clinica è l'insieme dei documenti che registrano le informazioni anagrafiche e sanitarie di una persona in cura, tramite la quale i medici possono avere un quadro complessivo della storia della sua salute e così stabilire diagnosi e terapia in modo informato

Con il termine cartella clinica si intende un insieme di documenti che registrano tutte le informazioni anagrafiche e sanitarie di una persona malata. È un "diario della salute", tramite il quale i medici possono avere un quadro complessivo della storia della salute delle persone e possono diagnosticare meglio un disturbo o decidere la terapia più appropriata.

La persona malata ha pieno diritto a vedere la propria cartella clinica, anche durante il suo ricovero, o a chiederne una copia, una volta dimesso. Ogni Asl stabilisce il costo della copia, così come le modalità per richiederla (qual è l’ufficio competente) ed i tempi di rilascio.

Possono chiedere o ritirare la copia di una cartella clinica:

  • la persona direttamente interessata. Se la persona è minorenne o interdetta, la cartella deve essere rilasciata al genitore o al tutore legale;
  • un’altra persona, anche il proprio medico di famiglia, che abbia una delega scritta da parte dell’interessato;
  • gli eredi legittimi, con riserva per determinate notizie;
  • i medici che la richiedono, per scopo scientifico o statistico, con l’obbligo di mantenere l’anonimato. Se, infatti, la persona malata ha dato il consenso al trattamento dei suoi dati, i medici possono averne accesso rispettandone, secondo l’obbligo del segreto professionale, la riservatezza;
  • l’Autorità giudiziaria, gli enti previdenziali, il Servizio Sanitario Nazionale

Proprio per la loro importanza, le informazioni contenute nella cartella clinica devono essere leggibili e chiare. Non esistono leggi specifiche che regolano come compilare e gestire la cartella clinica. Tuttavia, dalla normativa esistente e dal Nuovo codice di Deontologia Medica, si possono ricavare alcune regole:

  • la cartella clinica deve essere scritta in modo chiaro, leggibile da tutti;
  • le informazioni ivi contenute devono essere complete (esami medici effettuati, diagnosi, terapie ecc.) e devono essere scritte immediatamente sulla cartella, non in un secondo tempo. Solo in questo modo, infatti, un altro medico che visiti un ammalato può avere il quadro completo della situazione;
  • nessuna annotazione già scritta può essere cancellata. Eventualmente, una seconda nota può smentirne una precedente;
  • i dati, le informazioni, della cartella clinica sono personali, privati della persona malata, non pubblici. Sono, cioè, dati sensibili e non possono essere accessibili a nessuno, se non previo il consenso scritto del malato. Il malato, generalmente, esprime il suo consenso all’ingresso nella struttura sanitaria, leggendo e firmando un modulo;
  • le cartelle cliniche ed i referti medici devono essere conservati per sempre, illimitatamente, nella struttura ospedaliera. Tra le motivazioni di tale norma vi è la garanzia della "certezza del diritto" e l’importanza vitale di tale tipo di documentazione, anche per eventuali studi futuri. Solo alcuni documenti, come le radiografie, possono essere conservate per un periodo limitato: 20 anni;
  • la responsabilità della corretta gestione e conservazione della cartella clinica è del Primario del reparto in cui si è in cura e passa alla Direzione Sanitaria nel momento in cui la cartella clinica è archiviata. Il compito di conservare la cartella nel reparto ospedaliero è, invece, dell’infermiere del reparto.
Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos