Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

13 DIC
Almanacco
Registrati

L'assistenza sanitaria per stranieri

Sanità In questo Canale:

L'assistenza sanitaria per stranieri

A proposito di:

I cittadini stranieri di paesi che non appartengono all’Unione Europea hanno diritto alla tutela della salute e all’assistenza sanitaria offerta dal Servizio sanitario nazionale. Il tipo di fruizione dipende dal possesso o meno del permesso di soggiorno

I cittadini stranieri di paesi che non appartengono all’Unione Europea hanno diritto alla tutela della salute e all’assistenza sanitaria offerta dal Servizio sanitario nazionale. Il tipo di fruizione dipende dal possesso o meno del permesso di soggiorno del cittadino stesso. Vediamo nel dettaglio.

I cittadini extra Ue con permesso di soggiorno hanno diritto ad iscriversi al Servizio sanitario nazionale e quindi all’anagrafe sanitaria della Asl del territorio in cui si trovano tra cui la scelta del medico di famiglia e del pediatra con le modalità previste per i cittadini italiani (vedi la scelta del medico di famiglia).

Chi ha il permesso di soggiorno deve andare all’ufficio Asl di residenza con una copia del permesso valido, un certificato di residenza o di domicilio, codice fiscale oppure un’autocertificazione dello stesso.

Dopo aver fatto la regolare iscrizione al Servizio sanitario nazionale si riceve una tessera sanitaria personale che permette di scegliere il medico di famiglia e il pediatra e di usufruire di tutti i servizi sanitari previsti per i cittadini italiani.

Gli stranieri che non hanno il permesso di soggiorno non si possono iscrivere al Servizio sanitario nazionale ma possono usufruire di alcuni servizi. In particolare sono garantite le cure per le donne in gravidanza fino a sei mesi dopo il parto, le cure sanitarie di base ai minori, le vaccinazioni, la cura delle malattie infettive ed eventuali cure di prevenzione stabilite a livello internazionale.

È importante anche in questi casi, se si ha bisogno di cure urgenti rivolgersi all’ospedale senza alcun timore. La legge specifica che medici e personale sanitario hanno l’obbligo di fornire assistenza a chi ne ha bisogno e non possono denunciare una persona, anche se irregolare, che chiede aiuto.

Per tutte le informazioni sulle cure e i servizi sanitari previsti per gli stranieri è possibile rivolgersi all’Asl del territorio in cui ci si trova.

Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos