Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

21 LUG
Almanacco
Registrati

Assistenza per le protesi

Sanità In questo Canale:

Assistenza per le protesi

A proposito di:

L'assistenza protesica fornisce a chi ne ha bisogno protesi, ortesi e ausili tecnici. Deve essere chiesta dal medico specialista alla Asl di residenza, la quale rilascia l'autorizzazione dopo aver valutato la richiesta

​​L'assistenza protesica fornisce a chi ne ha bisogno:

  • protesi, gli apparecchi che sostituiscono parti del corpo mancanti o non funzionanti (arti o anche artificiali, denti, protesi agli occhi o alle orecchie ecc);
  • ortesi, cioè le macchine che, applicate al corpo,suppliscono ad una funzione mancante (corsetti, busti, collari ecc);
  • ausili tecnici (letti ortopedici,cuscini e materassi anti-decubito,bendaggi, cateteri esacche,pannoloni,traverse per il letto ecc).

In particolare, possono usufruire di questo tipo di assistenza:

  • le persone invalide, i non vedenti, i sordomuti;
  • gli invalidi civili, di guerra e per servizio;
  • gli invalidi del lavoro con riduzione della capacità lavorativa superiore al 33%;
  • le persone con cateteri (gli entero-urostomizzati), o con altri strumenti che sostituiscono le funzioni della laringe (laringectomizzati) o della trachea (tracheotomizzati);
  • minori di anni 18, quando necessitino di interventi di prevenzione, cura e riabilitazione di una invalidità permanente;
  • le persone amputate di un arto;
  • le donne che hanno avuto asportato uno o entrambi i seni o la ghiandola mammaria (mastectomia);
  • le persone che hanno subito interventi demolitori sull'occhio;
  • le persone ricoverate che hanno necessità e urgenza di una protesi, di un'ortesi o di un ausilio;
  • le persone affette da malattie rare, secondo il Decreto Ministeriale 18 maggio 2001.

L'assistenza protesica deve essere chiesta alla Asl di residenza dal medico specialista. La Asl valuta la richiesta e rilascia l'autorizzazione entro venti giorni. Oltre questo termine, l'autorizzazione s'intende concessa. L'autorizzazione deve essere rinnovata periodicamente, secondo il tipo di protesi e secondo i regolamenti regionali.

In caso di strumenti prescritti durante un ricovero in un'altra Asl, la richiesta deve essere inoltrata a quella di competenza che deve rispondere entro 5 giorni, oltre il quale l'autorizzazione s'intende concessa.

Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos