Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

18 OTT
Almanacco
Registrati

Zuccheri e carboidrati

Salute e Prevenzione In questo Canale:

Zuccheri e carboidrati

A proposito di:

I carboidrati sono i cibi più temuti prima della "prova costume" estiva. Ma svolgono un ruolo insostituibile nel nostro organismo. Dunque non bisogna assolutamente privarsene, mentre con lo zucchero si può anche scarseggiare

​​Quando si parla di "carboidrati" (o "glucidi" o "zuccheri"), si intende un'ampia famiglia di sostanze di origine vegetale, formate da carbonio ed acqua, appartenenti a due tipi:

  • semplici, comprendenti a loro volta i monosaccaridi (glucosio, fruttosio e galattosio) e i disaccaridi (saccarosio, lattosio e maltosio);
  • complessi, comprendenti a loro volta gli oligosaccaridi (maltodestrine) e i polisaccaridi (amido, fibre e glicogeno).

Nella dieta, generalmente, vengono considerati preferibili i carboidrati complessi, oltre ad alcuni cibi ricchi di carboidrati semplici, come la frutta (che contiene glucosio e fruttosio) o i prodotti caseari (che contengono lattosio), rispetto ad alcune fonti di zuccheri semplici, come i dolci o le bevande zuccherate.

Lo zucchero

Per zucchero s'intende normalmente il saccarosio, che costituisce il più comune dei carboidrati semplici.

In Italia, il consumo di zucchero è più basso, rispetto al resto d'Europa: circa 24 chili l'anno a persona, contro una media di circa 32 chili. Un consumo eccessivo di zucchero è considerato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità tra le probabili cause di carie, diabete e obesità.

La stessa organizzazione consiglia pertanto di non aggiungere lo zucchero ai cibi che già contengono altre tipologie di zuccheri e carboidrati: pane, frutta, pasta e latte già ne contengono in quantità sufficiente per il fabbisogno umano. Quest'ultimo, secondo i nutrizionisti, ammonta a circa 90 g di zuccheri totali al giorno. Tale quantità è apportata in gran parte attraverso la normale alimentazione.

I carboidrati nell'alimentazione

I carboidrati sono la più comune fonte di energia negli organismi viventi. In teoria, non sono nutrienti essenziali per gli esseri umani. Il corpo, infatti, può ottenere tutta l'energia necessaria da proteine e grassi. Però una dieta completamente priva di carboidrati può portare a chetosi, la patologia che, nei bambini, prende il nome di acetone.

Tra i cibi ricchi di carboidrati - oltre ai già citati pane, fruttapasta e latte - sono compresi i legumi, le patate, la crusca, il riso e i cereali. La maggior parte di questi cibi è ricca di amido.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità, insieme alla Fao, raccomanda di ingerire il 55-75 per cento dell'energia totale dai carboidrati, ma solo il 10 per cento dagli zuccheri semplici.

Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos