Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

13 DIC
Almanacco
Registrati

Yoga a misura di anziano

Salute e Prevenzione In questo Canale:

Yoga a misura di anziano

A proposito di:

Lo yoga è una pratica notoriamente salutare, che può risolvere anche i problemi tipici della terza età. Con questi esercizi "dolci" si possono sciogliere le rigidità dovute all'età e allo stress, regalandosi una qualità della vita decisamente migliore
  • Lo yoga, una pratica notoriamente salutare, risolve anche i problemi della terza età. Con esercizi dolci si possono sciogliere le rigidità dovute all'età e allo stress, regalando all'anziano una qualità della vita migliore.

    Gli esercizi più adatti sono sicuramente le asana (posizioni) semplici, in cui gli arti sono i veri strumenti ginnici, facendo da peso e contrappeso. Praticare le asana sviluppa agilità, equilibrio, resistenza, aumenta la vitalità. Le asana si sono perfezionate nei secoli, così da esercitare ogni muscolo, nervo e ghiandola del corpo; assicurano un bel fisico, forte ed elastico e tengono il corpo lontano dalle malattie, ma soprattutto allenano e disciplinano la mente.

    Ecco alcune asana adatte a tutti, ma soprattutto a chi non è più giovanissimo.

  • Tadasana o posizione della montagna, una posizione apparentemente molto semplice ma da cui si può trarre grande giovamento. Nel Tadasana bisogna stare ben eretti a piedi uniti con le braccia distese lungo il corpo. Piedi uniti, alluci e talloni devono toccarsi, ginocchia unite, cercare di sollevare le rotule, e contrarre le anche tendendo i muscoli dietro le cosce. Petto in fuori, pancia in dentro, collo ben dritto. Immaginate per mantenere la posizione di essere tirati verso l'alto da un filo. Distribuite il peso del corpo su tutti e due i piedi e non solo su piante o talloni e punte dei piedi. Per trovare il modo perfetto di distribuire il peso oscillate un po' a destra e un po' a sinistra. Rimanete in posizione per qualche minuto, con gli occhi chiusi e respirando e concentrandovi sul respiro. Questo esercizio irrobustisce le gambe, aumenta la forza fisica.

  • Dandasana o posizione del bastone, seduti con le gambe in avanti, schiena dritta, braccia tese lungo il busto, mani poggiate al pavimento con i palmi rivolti in avanti e le gambe tese come un bastone appunto, ginocchia rigide e piedi in avanti. Tenere la posizione per mezzo minuto, respirando normalmente, poi pian piano espirando sciogliere la posizione. Questo esercizio elimina il gonfiore dall'addome e previene i disturbi gastrici.

  • Rotazione della nuca sia nella posizione della montagna che in quella del bastone è possibile effettuare delle rotazioni della nuca, inclinando la testa a destra, in avanti, a sinistra e indietro, mantenendo un movimento rotatorio dolce e continuo.

  • Posizione della spirale, seduti, braccio destro teso in avanti e palmo della mano teso in avanti. Divaricare e ruotare le dita della mano in senso orario fino a rivolgere il palmo verso l'alto. Poi chiudere le dita, partendo dal mignolo fino al pollice, e ruota il polso da sinistra verso destra. Aprire le dita a partire dal mignolo. Ricomincia l'esercizio da capo. Ripetere poi con la mano sinistra. Questo esercizio è di grande aiuto a chi soffre di problemi reumatici o articolari.

  • Savasana, o posizione del cadavere, è l'asana (posizione) del rilassamento, da effettuare alla fine di ogni seduta o tra un'asana e l'altra. Stesi supini, con le braccia laterali al corpo, palmi rivolti verso l'alto, gambe distese, talloni, uniti e punta dei piedi separate, la colonna vertebrale deve aderire il più possibile al terreno. Ma anche gambe divaricate con piedi rivolti verso l'esterno. Occhi chiusi per cominciare a rilassare tutti i muscoli, cominciate dai piedi. Attraverso la pratica del savasana si eliminano la fatica e le tensioni, e si dà  riposo alla mente. In questa posizione è molto importante ascoltare il corpo, partendo dai piedi fino a salire alla nuca. Ascoltate il respiro e pian piano lo sentirete rallentare, così come il battito cardiaco. Dopo questa fase di rilassamento cominciate muovere, gradualmente tutto il corpo.

  • Per effettuare il test devi avere effettuato l'accesso a Intrage: