Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

11 DIC
Almanacco
Registrati

Il "walking", l'arte di camminare

Salute e Prevenzione In questo Canale:

Il "walking", l'arte di camminare

A proposito di:

Camminare è un'attività senza controindicazioni, che fa bene praticamente a tutto e a tutti. È consigliabile praticarla ogni giorno. E può essere un autentico piacere, perché l'essere umano non è fatto per stare seduto

​​​Tenersi in forma camminando all’aria aperta, divertirsi e trascorrere qualche ora in compagnia degli amici e, perché no, degli atletici nipoti. Il walking, termine inglese che indica il perfezionamento del camminare, è uno sport che, per i suoi benefici, si addice soprattutto agli overAnta. Infatti migliora l’umore e ristabilisce i valori della pressione sanguigna e del colesterolo.

I benefici del walking

Camminando per un’ora, ad una velocità di 5 km l’ora, si possono consumare anche fino a 262 calorie ma, per ottenere risultati importanti, è necessario essere costanti e regolari. La camminata a passo sostenuto consente anche di migliorare l’umore: il corpo, infatti, rilascia le sostanze capaci di eliminare stress e ansie.

Applicandosi con regolarità, si riesce anche ad armonizzare il battito del cuore, a regolarizzare il respiro, e si ristabiliscono i valori della pressione sanguigna e del colesterolo, in virtù del consumo di grassi. In base all’età degli sportivi, gli esperti consigliano, in ogni caso, di sottoporsi a una visita medica periodica.

La tecnica del walking

Per prima cosa, è necessario fare dello stretching, preparando i muscoli all’attività fisica. Occorre quindi assumere la giusta posizione: busto eretto, spalle e collo rilassati, braccia con i gomiti piegati a 90°, mani chiuse a pugno. È importante, poi, camminare ruotando il bacino a ogni passo, appoggiando a terra prima il tallone e poi la pianta e cercando di mantenere il respiro regolare.

Imparata la tecnica, l’ideale è camminare almeno tre volte a settimana, magari sfruttando i momenti più freschi della giornata, le prime ore del mattino e la sera. Gli esperti consigliano anche di camminare lontani dallo smog, nei parchi, in campagna, nelle zone verdi della città, con un abbigliamento comodo e idratandosi frequentemente.

Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos