Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

23 OTT
Almanacco
Registrati

Tumore dell'ovaio e tumore dell'utero

Salute e Prevenzione In questo Canale:

Tumore dell'ovaio e tumore dell'utero

A proposito di:

I tumori che colpiscono l’apparato genitale femminile rappresentano dal 10 al 15 per cento del totale delle neoplasie delle donne e possono essere efficacemente combattuti grazie a una prevenzione regolare

​​I tumori che colpiscono l’apparato genitale femminile rappresentano dal 10 al 15 per cento del totale delle neoplasie che interessano le donne. Queste forme tumorali riguardano i tumori dell’ovaio e i tumori dell’utero, più precisamente del collo e del corpo dell’utero.

L’arma più efficace contro queste patologie è la prevenzione, che parte da un'alimentazione sana ed equilibrata. La buona abitudine di mangiare sano è sempre consigliata per la prevenzione di ogni forma di tumore e di altre patolgie più o meno importanti. Tornando ai tumori femminili, tutte le donne, in età fertile e in menopausa, dovrebbero sottoporsi a controlli periodici dal proprio ginecologo ed effettuare a seconda dell’età esami clinici finalizzati alla diagnosi precoce: il Pap test ogni 2 anni e fino a 70 anni di età, la colposcopia e l'ecografia. Per le ragazze giovani è prevista la vaccinazione gratuita contro il virus HPV, responsabile del cancro della cervice uterina.

I tumori dell’ovaio sono una delle principali cause di morte per tumori femminili. La fascia di età più a rischio per questo tipo di patologia  è quella compresa tra i 50 e i 60 anni. I sintomi più comuni di una neoplasia ovarica sono:

  • perdite vaginali atipiche;
  • perdita dell’appetito e calo di peso;
  • disturbi della digestione, senso di nausea e distensione addominale;
  • gonfiore progressivo dell’addome;
  • dolore nella regione addominale inferiore.

Le cause del carcinoma ovarico sono poco conosciute, ma certamente è più diffuso tra le donne che non hanno mai avuto gravidanze. Ogni gravidanza riduce il rischio di circa il 10%. Numerosi studi hanno dimostrato che la terapia contraccettiva usata regolarmente per alcuni anni sembra essere una buona prevenzione, poiché interrompendo il numero di cicli mestruali, riduce l’attività ovarica. Il 5-10% dei carcinomi dell’ovaio ha un’origine ereditaria.

I tumori dell’utero interessano il collo dell’utero o cervice uterina e il corpo dell’utero, tumore dell’endometrio. Le neoplasie della cervice uterina hanno una maggiore incidenza nelle donne tra i 45 e i 65 anni. Il sintomo più frequente del carcinoma del collo dell’utero è costituito da perdite di sangue dalla vagina nell’intervallo tra due mestruazioni o dopo un rapporto sessuale.

Spesso si può avere secrezione di liquido biancastro dalla vagina (leucorrea) e fastidio o dolore durante un rapporto sessuale. I tumori dell’endometrio colpiscono maggiormente le donne tra i 50 e i 70 anni, questa neoplasia è tipica dell’età post-menopausale. Il segnale della presenza di un tumore dell’endometrio è caratterizzato da perdite ematiche vaginali.

Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos