Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

24 SET
Almanacco
Registrati

La sigaretta elettronica

Salute e Prevenzione In questo Canale:

La sigaretta elettronica

A proposito di:

Molti la comprano convinti che sia la soluzione giusta per smettere di fumare. Ma è davvero efficace? Come funziona la sigaretta elettronica, quanto costa, quali sono gli effetti sulla salute e cosa dice la legge italiana su questa materia

​​La sigaretta elettronica è un dispositivo che consente ai fumatori di inalare vapore, provando un sapore e una sensazione simili a quelli percepiti inalando il fumo di tabacco di una tradizionale sigaretta, compreso il "colpo in gola" ("hit").


Le sigarette elettroniche vengono vendute come un'alternativa al fumo di tabacco, essendo assenti i componenti cancerogeni presenti nel fumo tradizionale, o come mezzo per aiutare i fumatori a smettere di fumare.


È dotata di una batteria ricaricabile e di un meccanismo che produce vapore da una soluzione liquida di acqua, glicole propilenico, glicerolo, nicotina (non sempre presente) e aromi alimentari. Affinché la sensazione di fumare sia il più possibile verosimile, durante l'inalazione si accende un led di colore rosso scuro posto all'altra estremità del dispositivo, simulando così anche la combustione di una vera sigaretta.


Le componenti tipiche della sigaretta elettronica sono le seguenti:

  • un filtro contenente una cartuccia sostituibile o ricaricabile con apposito liqido;
  • un vaporizzatore (cartomizzatore);
  • una batteria ricaricabile;
  • un circuito elettronico interno.

Un'alternativa alle batterie ricaricabili è rappresentata dalle prese di tipo Usb, che permettono di collegare il vaporizzatore direttamente a una presa Usb di un computer o di alcune automobili.


Tipi di sigaretta elettronica

Esistono in commercio diversi tipi di sigaretta elettronica, come ad esempio: categoria, il primo tipo a entrare in commercio, con un led in punta che si accende in corrispondenza di ogni tiro; eGO, consente di personalizzare il dispositivo, utilizzando diversi "atomizzatori" o "cleromizer"; big-battery, dotato di batterie al litio di dimensioni e con caratteristiche superiori; box, dispositivi a forma di scatola che consentono una resa aromatica maggiore.


Prezzi

Il costo della sigaretta elettronica varia in base al modello. Chi intende utilizzarla, deve acquistare per prima cosa un kit iniziale, che può essere singolo o doppio, cioè comprendente una o due sigarette. Un kit singolo costa mediamente dai 35 ai 50 euro, mentre il kit doppio va dai 50 ai 70 euro.


Bisogna poi considerare i ricambi. Una persona che fuma un pacchetto al giorno, passando alla sigaretta elettronica consuma mediamente 2 ml al giorno di liquido, corrispondenti a circa 1-1,20 euro.

Effetti sulla salute

Essendo la sigaretta elettronica un prodotto recente, non ci sono studi approfonditi sulla sua eventuale tossicità. I rischi per la salute - specie di tipo oncologico - sono comunque minori, rispetto ai normali prodotti da fumo, non essendo presenti residui di combustione come ad esempio il catrame o il benzene.


I dubbi sulla sicurezza di questi prodotti sono legati piuttosto alla presenza o meno di nicotina, una sostanza non cancerogena, ma causa di dipendenza psichica. Secondo alcun studi, inoltre, sono efficaci per ridurre il fumo ma poco efficaci per smettere.


L'Istituto Superiore di Sanità ha affermato che non esistono dati sufficienti per escludere effetti dannosi per la salute. Il Ministero della Sanità ha imposto ai produttori di evidenziare su tutti i prodotti la concentrazione di nicotina e la frase "Tenere lontano dalla portata dei bambini". Secondo uno studio della LIAF, Lega Italiana Anti Fumo, le sigarette elettroniche non solo non risultano tossiche, ma sono un valido aiuto per diminuire il numero di sigarette e per chi vuole smettere di fumare.


Per quanto riguarda il "vapore passivo", secondo gli studi condotti finora, pare che il vapore emanato dalle sigarette elettroniche non sia nocivo per le persone e non modifichi la qualità dell'aria degli ambienti chiusi.


Legge in vigore

​In Italia la vendita di sigarette elettroniche contenenti nicotina è vietata ai minori di 18 anni. Dal 1 gennaio 2014 è inoltre in vigore una tassa di consumo del 58,5 per cento.

Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos