Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

23 OTT
Almanacco
Registrati

Principi nutritivi del pesce

Salute e Prevenzione In questo Canale:

Principi nutritivi del pesce

A proposito di:

Da sempre alimentazione delle popolazioni costiere, oggi il pesce è a disposizione di tutti. Ed è una fortuna, perché è una componente essenziale per la salute

Il pesce è un'importante alimento da inserire nella dieta, da consumare almeno due o tre volte alla settimana, perché ricco di sali minerali, vitamine e acidi grassi insaturi, che combattono il colesterolo e fanno bene alla salute delle arterie e quindi alla circolazione.

Una maggiore potenza sanguigna favorisce anche una buona attività sessuale. Lo iodio, il fluoro e il selenio sono invece dei toccasana per le cellule del cervello e per la memoria. Ma vediamo più nel dettaglio il pesce, le sue qualità e come va preparato per conservare al meglio le preziose qualità nutritive che racchiude in sé. 

Dal punto di vista nutrizionale, i pesci si distinguono in:

  • magri, come la sogliola, l'orata, il merluzzo o il nasello, che contengono meno del 3 per cento di grassi;
  • semigrassi, come la trota, la sardina ed il pesce azzurro, il cui contenuto è tra il 3 e l'8 per cento;
  • grassi, come lo sgombro, il salmone, l'anguilla, il tonno o l'aringa, con più dell'8 per cento del loro peso composto da vari grassi.

Il pesce è ricco di sali minerali come selenio, fosforo, iodio e fluoro, che sono importanti nella regolazione del sistema circolatorio, nervoso e muscolare. Anche la quantità di vitamine è interessante: in particolare la vitamina A e le vitamine del gruppo B. Molluschi e crostacei infine, meno ricchi di proteine rispetto al pesce, hanno un discreto contenuto di zinco, magnesio e ferro: quest’ultimo soprattutto presente in cozze, vongole e ostriche. 

Il pesce, per dare il meglio di sé, deve essere cucinato presto, fresco o appena scongelato, perché l'ossigeno e la luce alterano facilmente gli acidi grassi presenti in essi, producendo odori e sapori sgradevoli.

Di seguito indicazioni utili per scegliere il pesce migliore nel momento dell’acquisto e delle buone ricette dalla cucina di Intrage.

Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos