Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

27 FEB
Almanacco
Registrati

La prima colazione

Salute e Prevenzione In questo Canale:

La prima colazione

A proposito di:

Molti fanno l'errore di mangiare poco a colazione. Ma chi ci tiene veramente alla linea è bene che ogni mattina consumi almeno un quarto del proprio fabbisogno giornaliero.

​​La prima colazione è un momento fondamentale della giornata, specialmente dal punto di vista nutrizionale. Quando ci si alza, il corpo è a digiuno da parecchie ore e deve affrontare un'intera giornata. Gli va quindi dato tutto il carburante necessario, sapendo che avrà tutto il tempo per consumarlo, a differenza di quello che mangiamo la sera a cena. Per questi motivi, il comportamento più illogico sarebbe proprio quello di bere solo una tazza di latte o caffé, se non addirittura digiunare.

Chi ci tiene alla linea, è bene che non salti mai la colazione e che anzi consumi al mattino un quarto circa del fabbisogno calorico giornaliero. Per fare un esempio, un uomo adulto, che ha bisogno mediamente di 2.500 kilocalorie al giorno, a colazione ne dovrebbe consumare 500, quindi molto più di una tazza di latte o caffé.

Inoltre è molto opportuno che la prima colazione venga consumata con calma, in compagnia degli altri familiari. Se si può, naturalmente.

Le vitamine, il calcio e le proteine del latte che ingeriamo alla mattina, infine, aiutano a mantenre un benessere generale e, in particolare, a conservare una pelle del viso elastica e tonica e un sorriso da invidia, grazie a denti forti e robusti.

Gli alimenti

Ecco una rassegna dei principali alimenti in grado di soddisfare il nostro fabbisogno calorico.

  • Il latte è un alimento completo ed assai importante. È ricco di calcio, proteine, zuccheri, minerali e vitamine: quello intero contiene il 3,4 per cento di grassi, quello parzialmente scremato l'1,8 per cento e quello totalmente scremato solamente lo 0,3 per cento. È bene perciò sapere che la rinuncia al latte interno, il più buono, comporta un risparmio di calorie molto modesto.
  • Lo yogurt, come ogni derivato del latte, è altrettanto utile. Nello yogurt, inoltre, è molto elevata la quantità di calcio, di proteine di buona qualità e di vitamine B2 e A.
  • La spremuta d'arancia è anche un ottimo alimento: un bicchiere di spremuta a colazione soddisfa l’esigenza nutritiva giornaliera di vitamina C, che per il nostro organismo è pari a 60 mg.
  • I prodotti da forno - cioè i vari tipi di biscotti, dolcifette biscottate - sono preferibili ai dolci di pasticceria, perché sono preparati con alimenti semplici, come le uova, il latte ed i grassi vegetali, e sono più ricchi di carboidrati, come gli zuccheri ed i cereali, che danno un grande apporto di energia immediatamente utilizzabile.
  • Tra i cereali, sempre più in voga nel nostro Paese, ci sono il mais, l'avena, il riso e la fibra di frumento, con una varietà d'offerta molto ricca, sul mercato. Consumati col latte, consentono di fare una colazione veloce e saziante al tempo stesso, con un apporto ottimale di carboidrati e fibre. Meno interessanti i prodotti con aggiunta di zucchero e cioccolato.
  • Il burro è un alimento che deve essere consumato con moderazione, perché ha un altissimo contenuto di grassi, per di più di origine animale: circa l'80 per cento.
  • La marmellata ha un grande apporto energetico, che deriva dalla presenza di molti zuccheri (il 55 per cento mediamente) e di una piccola quantità di sali minerali. Bisogna però distinguere tra le confetture e le marmellate: le prime, per legge, devono essere fatte con almeno il 35 per cento della polpa di uno o più frutti. Le marmellate, invece, possono avere una quantità di polpa minore: almeno il 25 per cento. 
Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos