Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

23 SET
Almanacco
Registrati

La pressione alta o ipertensione

Salute e Prevenzione In questo Canale:

La pressione alta o ipertensione

A proposito di:

La pressione alta, o ipertensione, è uno dei fattori di rischio più importanti per le persone anziane: specie per la frequenza di ictus, il deterioramento delle arterie e delle più pericolose malattie cardiovascolari. Come tenerla sotto controllo

La pressione alta, o ipertensione, è uno dei fattori di rischio più importanti per le persone anziane: a questa è strettamente legata la frequenza di ictus, di deterioramento delle arterie e di varie malattie cardiovascolari, che rappresentano in Italia la prima causa di morte e tra le prime di disabilità.

Per prevenire problemi alla circolazione avere un’alimentazione sana ed equilibrata è il primo passo fondamentale. In tavola non possono mancare: frutta e verdura fresche; legumi e cereali che ricchi di proteine, possono sostituire tranquillamente le carni grasse; il pesce e i condimenti a base di olio extravergine d’oliva; le carni magre come pollo e tacchino, vitello e coniglio. Da limitare il consumo di: insaccati; formaggi stagionati, meglio freschi in sostituzione di carne o pesce; dolci; uova ricche di colesterolo; sale; bevande zuccherate e alcoliche.   

Ma vediamo di conoscere meglio questo fattore di rischio. L’ipertensione si riferisce alla pressione che il sangue esercita sulle arterie quando circola nell'organismo, spinto dalla contrazione del cuore. Questa pressione, misurata in millimetri di mercurio (mmHg), è massima durante la contrazione del cuore, la pressione sistolica, e scende al minimo quando il cuore si riempie di sangue, la pressione diastolica. La pressione alta è definita come una pressione massima pari o maggiore di 140 mmHg o una pressione minima pari o maggiore di 90 mmHg.

La prevenzione inizia con il controllo periodico della pressione sanguigna almeno una volta l'anno, o più frequentemente secondo le indicazioni del proprio medico di fiducia.

La misurazione della pressione può essere fatta in farmacia ma anche da soli a casa con l'apparecchio sfigmomanometro, osservando alcuni semplici accorgimenti:

  • bisogna essere seduti su una sedia con lo schienale, che permette di appoggiare la schiena e di essere in posizione rilassata;
  • il braccio deve essere disteso in posizione orizzontale ed appoggiato su un tavolino;
  • non è consigliabile bere caffè o fumare per almeno trenta minuti prima della misurazione;
  • la pressione deve essere misurata dopo almeno 5 minuti di riposo;
  • la pressione minima e quella massima vanno misurati entrambe. A volte solo una delle due ha valori fuori norma;
  • è importante fare almeno due misurazioni ad intervallo di circa 2 minuti l'una dall'altra. Se le due misure differiscono per più di 5 mmHg, è opportuno ripetere la misurazione una terza volta;
  • l’accuratezza dello strumento di misura deve essere controllata periodicamente, comparando la loro lettura con un'altra effettuata con uno strumento manuale.
Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos