Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

23 OTT
Almanacco
Registrati

I farmaci antiallergici

Salute e Prevenzione In questo Canale:

I farmaci antiallergici

A proposito di:

In commercio sono disponibili molti tipi di farmaci che riducono i sintomi causati dalle allergie. I più comuni sono gli antistaminici, i decongestionanti, i broncodilatatori e gli antinfiammatori
​​Ci sono in commercio molti tipi di farmaci, che riducono i sintomi causati dalle allergie. I più comuni sono:
  • i farmaci antistaminici: prevengono o diminuiscono i sintomi dei raffreddori allergici. Questi farmaci agiscono bloccando il rilascio della sostanza prodotta durante l’allergia che innesca le reazioni allergiche: l’istamina. Gli antistaminici possono essere in compresse, capsule, gocce nasali o iniezioni. I più vecchi farmaci possono avere effetti collaterali come sonnolenza, secchezza delle mucose, vertigini, tachicardia, ma nei nuovi questi effetti sono molto ridotti o assenti;
  • i farmaci decongestionanti: sono usati nei casi di raffreddore o di congestione nasale. Questi farmaci sono vasocostrittori: restringono i vasi sanguigni nasali, allargando le narici e facilitando il passaggio dell’aria. Possono essere compresse o liquidi. Se utilizzati in sovradosaggio, possono provocare nervosismo, insonnia o aumento della pressione sanguigna. Spray o gocce nasali sono consigliati solo per brevi periodi di due o tre giorni, perché altrimenti possono causare raffreddori da reazione;
  • i farmaci broncodilatatori: sono utili per calmare la tosse, gli starnuti, le difficoltà di respiro. Questi farmaci agiscono allargando i bronchi e permettendo un maggiore afflusso di aria nei polmoni. Sono in forma di spray, di compresse o di capsule. Tra gli effetti collaterali che possono causare, specie se abusati, sono inclusi nausea, vomito, mal di testa, nervosismo, agitazione ed insonnia;
  • i farmaci antinfiammatori: riducono l'infiammazione delle vie bronchiali che rende i bronchi "nervosi", irrequieti, più sensibili agli allergeni, ad altri virus o ad agenti quali lo sforzo, l’esposizione all’aria fredda, il fumo. L'uso prolungato di antinfiammatori, in genere di tipo cortisonico, non è consigliato per i possibili effetti collaterali.

Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos