Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

14 DIC
Almanacco
Registrati

Difendersi dalla zanzara tigre

Salute e Prevenzione In questo Canale:

Difendersi dalla zanzara tigre

A proposito di:

La più temuta di tutte è la zanzara tigre, molto aggressiva e attiva pure in pieno giorno. Ciascuno, però, può fare qualcosa per limitarne la presenza e la nocività

La caratteristica principale della zanzara tigre è la sua aggressività ed il fatto di essere attiva sia di giorno che di notte. Tipica di questa specie è anche una forte resistenza ai veleni comuni ed una straordinaria capacità di adattamento all'ambiente. La zanzara tigre può essere portatrice di diverse malattie.

Combattere la zanzara tigre è dunque un dovere per tutti:

  • per i Comuni, che devono occuparsi della disinfestazione e del monitoraggio;
  • per i cittadini, invece, è obbligatorio rispettare alcune semplici procedure, per impedire alla zanzara tigre di depositare le uova e riprodursi.
Cosa fare

Quando non è possibile evitare i ristagni, oppure si nota una permanenza insistente della zanzara tigre, si consiglia di usare prodotti larvicidi e conservare gli scontrini e le ricevute dell’acquisto, da mostrare in caso di controllo. Si possono utilizzare due tipi di insetticida specifici per le larve di zanzare e reperibili nelle farmacie: i prodotti biologici a base di spore e cristalli di Bacillus thuringiensis isralensis; oppure gli insetticidi di sintesi a base di temephos.

Ecco inoltre cosa sono tenuti a fare i privati cittadini, sulla base delle ordinanze delle maggiori città:

  • evitare che nei giardini o sui balconi si formino dei ristagni d’acqua, nei vasi o in altri contenitori;
  • se il ristagno d’acqua è inevitabile, si chiede di coprirlo, con teli di plastica tesi o con delle zanzariere fitte;
  • nelle vasche ornamentali all’aperto devono essere inseriti dei pesci rossi, che sono ghiotti di larve;
  • è necessario lavare con insetticidi e disinfettanti i tombini e le griglie di scolo d’acqua piovana, secondo le indicazioni dei Comuni di riferimento;
  • bisogna inoltre svuotare l’acqua degli umidificatori e dei caloriferi, quando si è spento il riscaldamento;
  • le vaschette di condensa dei condizionatori vanno infine svuotate.

Le ordinanze comunali stabiliscono anche delle sanzioni, per chi non rispetta le regole di prevenzione. A Bologna, per esempio, i trasgressori rischiano fino a 103 euro, a Roma, invece, le multe sono più salate e variano da 50 a 500 euro.

La zanzara tigre

La zanzara tigre è un insetto di origine asiatica, che è stato trovato in Italia per la prima volta nel 1990. Si riconosce dal colore nero, dagli anelli bianchi sulle zampe e dalla linea bianca sul dorso. La zanzara tigre è grande quanto una zanzara comune, ma è molto più aggressiva. Generalmente punge in modo rapido e ripetuto durante il giorno e all’aperto.

Salus TG

Nuova diffida Anaao per università, rispettare orari lavoro

Diventare mamma cambia il cervello, neuroni 'antenne' sul bebè

Salus TG
Il quotidiano di informazione sulla salute di Adnkronos