Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

20 FEB
Almanacco
Registrati

Caldo: come affrontarlo

Salute e Prevenzione In questo Canale:

Caldo: come affrontarlo

A proposito di:

Ogni estate i casi di colpo di calore e stress da calore non mancano, colpendo soprattutto alcune fasce della popolazione più a rischio. Ecco come prevenirli e affrontarli
  • ​​ Con l'arrivo dell'estate aumentano i casi di problemi di salute legati all'eccessivo caldo così come agli sbalzi di temperatura. Ogni anno, dunque, è giusto ricordare l'importanza di una corretta esposizione al sole e all'afa, al fine di evitare ripercussioni che possono diventare anche serie.

    Ecco dunque una breve guida che aiuta ad affrontare il caldo, evitando i rischi principali o imparando a gestire alcune situazioni derivanti dalle temperature alte.

  • Esposto a un calore troppo intenso e per un lungo periodo, il corpo non riesce più a regolare la temperatura interna, con una forte ripercussione su tutto l'organismo. Tra i sintomi che si possono riscontrare in questi casi vi sono:

    • gonfiori e ritenzione idrica;
    • crampi;
    • svenimenti;
    • febbre.

  • Sebbene tutti possano subire le conseguenze dello stress da calore, così come quelle del colpo di calore, a essere più colpiti sono solitamente alcune tipologie di persone, ovvero:

    • neonati e bambini;
    • anziani;
    • persone con malattie croniche (cardiache e respiratorie) o gravi patologie;
    • persone non autosufficienti;
    • persone che svolgono attività all'aperto.

  • In caso di stress da calore e colpo di calore, la prima cosa da fare è quella di consultare il proprio medico di famiglia che, conoscendo la pregressa situazione sanitaria del paziente, saprà come affrontare la problematica o eventualmente indirizzarlo nei casi più rilevanti.

    Negli orari notturni così come nei giorni festivi, è invece possibile fare riferimento al servizio di Guardia Medica, disponibile nei giorni lavorativi a partire dalle ore 20 fino alle 8 del mattino, mentre resta costantemente attivo nei giorni festivi. Nei giorni prefestivi, la Guardia Medica può essere contatta a partire dalle ore 10, fino alle ore 8 del primo giorno non festivo.

    Se le condizioni del paziente dovessero invece apparire gravi, è consigliabile chiamare il pronto intervento (118 o 112 nelle città già raggiunte dal numero unico).

  • Se ci si trova per strada o in giro, bastano pochi accorgimenti per limitare gli effetti dei momenti di maggior calura:

    • non uscire nelle ore più calde della giornata (solita​mente tra le 11 e le 18);
    • preferire un abbigliamento leggero, comodo, possibilmente in lino o cotone, preferibilmente di colore chiaro;
    • indossare cappelli e occhiali da sole per proteggere testa e occhi e utilizzare creme solari per proteggere la pelle;
    • evitare di rimanere in automobile se parcheggiata sotto il sole (per lo stesso motivo non bisogna mai lasciare altre persone, bambini o anziani, o animali nell'abitacolo) e aprire i finestrini o accendere il sistema di climatizzazione in concomitanza dell'inizio del viaggio, al fine di abbassare la temperatura interna dell'auto.

  • Per evitare di soffrire il caldo negli ambienti chiusi, l'accorgimento principale è quello di aprire le finestre al mattino e alla sera, favorendo il ricambio di aria fresca, tenendole invece chiuse nelle ore più calde.

    Anche l'utilizzo del climatizzatore può rivelarsi utile, ricordando però di effettuare annualmente la sanificazione dei filtri e di non impostare una temperatura troppo bassa che potrebbe creare un forte shock termico all'organismo entrando o uscendo dall'ambiente climatizzato. Se vi è la possibilità di utilizzarlo, preferire l'impostazione con deumidificatore che consente di abbassare il tasso di umidità diminuendo il fastidio collegato alle alte temperature.

    In caso di utilizzo di ventilatori, meglio non puntarli direttamente contro le persone, stesso consiglio rimane valido per i condizionatori, ma posizionarli al fine di far circolare l'aria nell'ambiente.

  • Per combattere il caldo, è possibile anche sfruttare alcuni piccoli accorgimenti che migliorano la qualità della vita senza per questo modificare radicalmente il proprio stile di vita. Ecco quali sono:

    • bere almeno 2 litri d'acqua e mangiare frutta fresca e verdure colorate in quanto ricche di acqua e sostanze antiossidanti che preservano dai danni procurati dall'ozono;
    • evitare le bevande troppo fredde;
    • diminuire i consumi di caffeina;
    • evitare gli alcolici, in particolare nelle ore più calde​.
  • Per effettuare il test devi avere effettuato l'accesso a Intrage: