Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

13 DIC
Almanacco
Registrati

Il contratto d'inserimento

Lavoro In questo Canale:

Il contratto d'inserimento

A proposito di:

Il contratto d'inserimento, che aveva sostituito il contratto di formazione lavoro, è stato a sua volta abolito con la Riforma del lavoro del 2012. Ecco come funzionava

Il contratto d'inserimento - la formula che aveva sostituito il contratto di formazione lavoro - è stato abolito con la Riforma del lavoro Fornero (2012), che l'ha lasciato in vigore solo per le assunzioni effettuate fino al 31 dicembre 2012. Di seguito ne sono descritte le caratteristiche principali.

Datore di lavoro
Potevano stipulare (fino al 31 dicembre 2012) il contratto di inserimento:

  • enti pubblici economici, imprese e loro consorzi;
  • gruppi di imprese;
  • associazioni professionali, socio-culturali, sportive;
  • fondazioni;
  • enti di ricerca, pubblici e privati;
  • organizzazioni e associazioni di categoria.
Lavoratori 

Il contratto poteva essere indirizzato a:

  • soggetti di età compresa tra i diciotto e i ventinove anni;
  • disoccupati di lunga durata, da ventinove a trentadue anni;
  • lavoratori con più di cinquanta anni di età, privi di un posto di lavoro;
  • lavoratori che vogliano riprendere a lavorare dopo almeno due anni di inattività;
  • donne di qualsiasi età residenti in aree geografiche il cui tasso di occupazione più basso di quello maschile;
  • persone riconosciute affette da un grave handicap fisico, mentale o psichico.

Per la stipula del contratto è obbligatoria la forma scritta e nel contratto deve essere specificamente indicato il progetto individuale di inserimento. In ogni caso, la durata non dovrà essere inferiore a nove mesi e superiore a diciotto. Nel calcolo del periodo massimo non si tiene conto dei periodi di servizio militare, di astensione per maternità.

Il contratto può essere prorogato più volte, anche senza la necessità di allegare specifiche motivazioni, purchè in coerenza con il progetto individuale d'inserimento. La durata massima del contratto prorogato non può superare il limite legale di diciotto mesi. Sono previste agevolazioni contributive per le aziende che sottoscrivono contratti d'inserimento che abbiano una durata di almeno 12 mesi.