Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

23 OTT
Almanacco
Registrati

Congedi e permessi retribuiti

Lavoro In questo Canale:

Congedi e permessi retribuiti

A proposito di:

Il lavoratore dipendente ha il diritto di fruire di permessi o congedi retribuiti, cioè periodi di astensione dall’obbligo della prestazione lavorativa, mantenendo posto di lavoro, il trattamento retributivo e il riconoscimento dell’anzianità di servizio

​​​​​Il lavoratore dipendente ha il diritto di fruire, in alcune circostanze, di permessi o congedi retribuiti, cioè periodi di astensione dall’obbligo della prestazione lavorativa, potendo godere del mantenimento del posto di lavoro, della conservazione del trattamento retributivo e del riconoscimento dell’anzianità di servizio. 

I permessi retribuiti sono una delle forme mediante le quali vengono attuati – limitatamente ai lavoratori dipendenti – alcuni principi fondamentali contenuti nella Costituzione, tra cui quelli di solidarietà sociale ed uguaglianza.

Oltre all'astensione dal lavoro per malattia o maternità, i casi di permessi e/o congedi retribuiti nell’ordinamento italiano sono i seguenti:

  • congedo matrimoniale (15 giorni);
  • congedo parentale (6 mesi a genitore nei primi 8 anni di vita del bambino, per un massimo totale di 10​ mesi);
  • permessi per l’assistenza dei disabili (2 anni nell’arco della vita lavorativa);
  • permessi e congedi per motivi personali e/o familiari (3 giorni l'anno);
  • permessi per motivi di studio (massimo 250 ore totali);
  • congedi formativi (massimo 150 ore);
  • permessi per visite mediche (variabile in base al contratto);
  • permessi per donatori di sangue e di midollo osseo (24 ore per la donazione di sangue);
  • permessi elettorali (intera durata delle operazioni elettoriali, per lo svolgimento delle attività inerenti, tipo presidente, scrutatore, ecc.);
  • permessi per cariche pubbliche ed elettive (variabile in base alla carica);
  • permessi per attività sociali e di volontariato (fino a 30 giorni continuativi e fino a 90 giorni all’anno per prestare soccorso e assistenza in casi di calamità e catastrofi).