Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

18 OTT
Almanacco
Registrati

Cassacolf, assicurazione sanitaria colf e badanti

Lavoro In questo Canale:

Cassacolf, assicurazione sanitaria colf e badanti

La Cassa Sanitaria Collaboratrici Familiari (Cassacolf) è la cassa di assistenza per la gestione dei trattamenti sanitari integrativi a favore dei collaboratori domestici. Fornisce un'indennità in caso di eventi come la malattia, il parto, il ricovero ospedaliero

La Cassa Sanitaria Collaboratrici Familiari (Cassacolf) è la cassa di assistenza per la gestione dei trattamenti sanitari integrativi a favore dei collaboratori domestici. Cassacolf fornisce ai lavoratori un'indennità in caso di eventi come la malattia, il parto, il ricovero ospedaliero. Gli stessi datori di lavoro possono beneficiare di un'assicurazione obbligatoria per gli infortuni dei loro dipendenti.

L'iscrizione a Cassacolf è obbligatoria per tutti i rapporti di lavoro basati sul Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro domestico.

Per essere iscritti, è sufficiente dimostrare, al momento della richiesta delle prestazioni, di aver provveduto ai versamenti. Non è dunque necessario compilare alcuna modulistica.

Il contributo da versare è di 0,03 euro all'ora: 0,02 euro a carico del datore di lavoro e 0,01 euro a carico del lavoratore. I versamenti vanno effettuati ogni trimestre, contestualmente al pagamento dei contributi previdenziali Inps. L'ente previdenziale svolge, in questo caso, il solo ruolo di riscossore dei contributi. Il versamento viene effettuato con le stesse modalità già previste per i contributi previdenziali Inps, ovvero:

  • tramite bollettino di conto corrente postale, sommando l'importo dovuto a Cassacolf ai contributi previdenziali e indicando F2 nella casella G.ORG;
  • on line sul sito dell'Inps, determinando manualmente il contributo Cassacolf e poi sommandolo ai contributi previdenziali da versare, e indicando F2 nella casella G.ORG.

Il diritto alle prestazioni della Cassacolf scatta nel momento in cui sono stati raggiunti 25 euro di versamenti, che corrispondono a 834 ore. Lavorando 4 ore al giorno, ci vuole quindi circa un anno circa di lavoro.

Prestazioni per i dipendenti

Cassacolf provvede a corrispondere, ai dipendenti iscritti, indennità giornaliere in caso di:

  • ricovero, dovuto a malattia o infortunio, con e senza intervento chirurgico;
  • ricovero per parto;
  • convalescenza.

In caso di ricovero con pernottamento, in istituti di cura pubblici o privati, il dipendente ha diritto ad un'indennità di 20,00 euro per ciascun giorno di ricovero successivo al secondo giorno e per un periodo non superiore a 20 giorni per persona e per anno. L'indennità non è corrisposta in caso di ricovero in forma di day-hospital.

Se il ricovero dura almeno 3 giorni, il dipendente ha diritto ad una indennità di 20,00 euro per ogni giorno di convalescenza certificata dal medico, dopo la dimissione dall’istituto di cura, per il numero di giorni pari a quelli certificati dal medico, con un massimo di 10 giorni per persona e per anno civile.

Cassacolf provvede, inoltre, al rimborso integrale dei ticket sanitari, per le prestazioni ad alta specializzazione, effettuate presso le strutture del servizio sanitario nazionale.

Prestazioni per i datori di lavoro

Cassacolf stipula una polizza assicurativa che garantisce copertura al datore di lavoro, in caso d’infortunio del quale egli sia civilmente responsabile, fino ad un massimale di 50 mila euro per ciascun sinistro e per un massimo di 50 mila euro l'anno. Sono comprese la morte o l'invalidità permanente del/la dipendente, oltre al rimborso delle spese legali.

La garanzia opera anche per il cosiddetto rischio "in itinere", cioè in caso di infortunio occorso al lavoratore durante il normale percorso di andata e ritorno dal luogo di abitazione a quello di lavoro. Le modalità sono le stesse dell’Inail.

Dall’assicurazione sono comunque escluse le malattie professionali. Essa, inoltre, non comprende i danni provocati, a terzi, dai collaboratori domestici.