Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

23 OTT
Almanacco
Registrati

Bonus Mamma Domani: ecco come funziona

Lavoro In questo Canale:

Bonus Mamma Domani: ecco come funziona

A proposito di:

Con il bonus Mamma Domani le neomamme possono usufruire di un assegno di 800 euro per le prime spese dedicate agli ultimi mesi di gravidanza e ai primi di vita del bambino. Conosciamolo meglio

​​​​​Il bonus per i nuovi nati nel 2017, denominato Bonus Mamma Domani, è un provvedimento che permette alle neo mamme di usufruire di un assegno una tantum utili a sostenere le spese negli ultimi mesi di gravidanza e i primi di vita del bambino. Presente nel testo della Legge di Stabilità 2017, tale provvedimento va ad aggiungersi al Bonus Bebè nuovamente finanziato per tutto l'anno in corso.

Bonus Mamma Domani: come funziona

Il Bonus Mamma Domani consiste in un aiuto, in formato di assegno in un'unica soluzione, di un importo di 800 euro; a poter beneficiare della somma sono tutte le donne in dolce attesa, a partire dal 7° mese di gravidanza.

Secondo quanto stabilito dal testo di legge già approvato, non è richiesto alcun limite reddituale alle neomamme o alle famiglie. È bene però ricordare che, tra gli emendamenti di modifica alla Legge di Bilancio, vi sarebbe la possibilità di introdurre un limite Isee stabilito in 13mila euro annuali.

Bonus Mamma Domani: come accedere al provvedimento

Per accedere al Bonus Mamma Domani è necessario effettuarne richiesta entro il 7° mese di gravidanza o, se successivamente al parto, presentando la certificazione della data del parto.

Come già accade per gli altri bonus dedicati alle neomamme e non solo, sarà dunque possibile richiedere l'assegno tramite Pin dispositivo direttamente dal sito dell'Inps.​

Tutte le informazioni sono riportate nella circolare n°39 del 2017 pubblicata dall'Inps, disponibile a questo link​.