Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

23 OTT
Almanacco
Registrati

Assegno di ricollocamento

Lavoro In questo Canale:

Assegno di ricollocamento

A proposito di:

Con l'assegno di ricollocamento, conosciuto anche come voucher di ricollocamento, i lavoratori in stato di disoccupazione possono accedere a corsi di formazione professionale organizzati dai centri per l'impiego. Ecco come fare

​​​L'assegno di ricollocamento 2016-2017 è un nuovo tipo di provvedimento introdotto dal governo Renzi con il Jobs Act. Insieme al Sia, il Sostegno per l'Inclusione Attiva, nasce con l'intento di effettuare una vera e proprio lotta alla povertà, soprattutto per quanto riguarda le fasce più a rischio della popolazione italiana.

​Conosciuto anche con il nome di voucher di disoccupazione, questa misura consiste in un vero e proprio pacchetto di voucher che offre la possibilità di seguire alcuni corsi di formazione professionale a pagamento realizzati dai Centri per l'Impiego.

Assegno di ricollocamento: quanto vale e come richiederlo

Istituito con il decreto 150/2015, l’assegno di ricollocamento non ha un valore predefinito ma può variare da lavoratore e lavoratore, in base a criteri di occupabilità stabiliti in fase di valutazione della richiesta; in questo modo vengono favoriti coloro che, in base al proprio profilo lavorativo, hanno meno possibilità di essere ricollocati nel mondo del lavoro.

Per poter avere diritto all’assegno è necessario effettuare l’iscrizione al Portale Unico di registrazione Persone in cerca di lavoro, comunicando la disoccupazione e la volontà di partecipare ai progetti e alle iniziative messe a disposizione dai Servizi per l’Impiego. In seguito a un colloquio con un operatore del centro per l’impiego di competenza, sarà possibile usufruire dei voucher per la formazione.

Assegno di ricollocamento: quando e chi può richiederlo

A partire dal 2 settembre 2016, l'assegno si presenta come sostegno per coloro che risultino in stato di disoccupazione in seguito alla Naspi, ovvero la nuova assicurazione sociale per l'impiego appartenente al nucleo di provvedimenti nati con il Jobs Act. L’assegno può essere richiesto da tutti coloro che posseggono le seguenti caratteristiche:

  • lavoratori in stato di disoccupazione con licenziamento per giustificato motivo, licenziamento collettivo o risoluzione di contratti a tempo determinato, a progetto, apprendistato o a chiamata
  • lavoratori con reddito da lavoro pari o inferiore alla soglia che permette l’esenzione da Irpef
  • lavoratori in Cigs, ovvero Cassa integrazione guadagni straordinaria