Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

20 OTT
Almanacco
Registrati

Le Agenzie per il lavoro

Lavoro In questo Canale:

Le Agenzie per il lavoro

A proposito di:

Le Agenzie per il lavoro sono imprese private, autorizzate dal Ministero per il lavoro, che forniscono manodopera ad altre imprese. Possono svolgere attività come la somministrazione di lavoro, l'intermediazione tra offerta e domanda di lavoro o la ricerca e selezione del personale

Il Jobs Act proposto dal governo Renzi prevede di rivoluzionare il collocamento al lavoro, grazie all'introduzione delle "politiche attive", che mirano a garantire a chi perde un lavoro un'efficiente rete di servizi al lavoro e adeguati programmi di riqualificazione professionale. In tale quadro si colloca l'istituzione di un'Agenzia nazionale per il lavoro, destinata ad incidere sul ruolo e le funzioni dei diversi attori, comprese le Agenzie per il lavoro sul territorio.

Cosa sono

​Le Agenzie per il lavoro sono imprese private che forniscono manodopera ad altre imprese. Autorizzate dal Ministero per il lavoro, sono incluse in un apposito registro, l'Albo unico delle Agenzie per il lavoro. Esse possono svolgere i seguenti tipi di attività:

  • somministrazione di lavoro;
  • intermediazione;
  • ricerca e selezione del personale;
  • supporto alla ricollocazione professionale.
Somministrazione di lavoro

L'attività di somministrazione consiste nella fornitura temporanea di personale alle imprese. È un rapporto che coinvolge tre diversi soggetti:

  1. un'impresa "somministratrice" (l'Agenzia per il lavoro);
  2. un lavoratore "somministrato";
  3. un'impresa "utilizzatrice", quella presso la quale il lavoratore presta effettivamente il suo lavoro.

Le Agenzie possono fornire solo impieghi con contratto a tempo determinato, della durata massima di 12 mesi (estensibile con un massimo di quattro proroghe, di 6 mesi ciascuna). Trascorso tale periodo, il lavoratore è obbligato a lasciare l'azienda, né può usufruire di alcun prolungamento del contratto, in quanto l'Agenzia resta titolare del suo "cartellino". L'utilizzatore potrà però assumere il lavoratore direttamente e con qualunque tipologia di contratto.

Per maggiori dettagli, si veda la pagina sulla Somministrazione o Staff Leasing.

Intermediazione

Questa attività consiste, da un lato, nel favorire l’incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro e, dall'altro, nel fornire una serie di servizi accessori.

Essa perciò comprende: la raccolta dei curriculum dei potenziali lavoratori; la preselezione; la promozione e gestione dell'incontro tra domanda e offerta di lavoro; l'orientamento professionale; la progettazione ed erogazione di attività formative finalizzate all'adeguamento delle competenze o delle capacità dei lavoratori.

Ricerca e selezione del personale

È un'attività di consulenza svolta per conto delle imprese, finalizzata all’individuazione di candidature idonee a ricoprire una più posizioni lavorative al loro interno e su incarico specifico.

Supporto alla ricollocazione professionale

Questa attività viene effettuata su specifico ed esclusivo incarico dell'organizzazione committente, ed è finalizzata alla ricollocazione di lavoratori nel mercato del lavoro.

L’albo informatico delle Agenzie per il lavoro

L'Albo informatico delle Agenzie per il lavoro è il registro elettronico, istituito presso il Ministero del Lavoro, nel quale sono iscritte le Agenzie per il lavoro autorizzate. È possibile consultarlo on line liberamente. Al suo interno, si trovano molte informazioni utili sulle Agenzie e sui contatti dei rispettivi referenti, in tutta Italia.

Altri soggetti autorizzati

Anche altri soggetti possono svolgere attività di intermediazione: Università, Comuni e Unioni di Comuni, Camere di commercio, Istituti di scuola secondaria superiore, Sindacati, Enti bilaterali, consulenti del lavoro, associazioni non profit, siti internet senza fini di lucro. Essi, però, non possono svolgere attività di somministrazione di lavoro.