Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

23 OTT
Almanacco
Registrati

Il modello Redditi Persone Fisiche 2017

Fisco In questo Canale:

Il modello Redditi Persone Fisiche 2017

A proposito di:

Il modello Redditi Persone Fisiche è un documento con il quale è possibile presentare più dichiarazioni fiscali. Sono obbligati a utilizzarlo i contribuenti che devono presentare almeno due tra le seguenti dichiarazioni: quella dei redditi, dell'Iva e dell'Irap

​Il modello Redditi Persone Fisiche (ex modello Unico) è ​un modello unificato con il quale è possibile presentare più dichiarazioni fiscali. Lo usano le persone fisiche che, nel 2016, possedevano redditi di terreni, di fabbricati, di partecipazione, di lavoro autonomo occasionale o continuativo, d'impresa, di lavoro dipendente e di pensione. Sono obbligati a usare Redditi/Pf i contribuenti che devono presentare almeno due tra le seguenti dichiarazioni: quella dei redditi, dell'Iva, dell'Irap.


Il Modello Redditi Persone Fisiche 2017​ comprende la dichiarazione dei redditi e la dichiarazione annuale Iva, ed è composto da 3 fascicoli. A partire dal 2017, al modello Redditi Persone Fisiche (Redditi/Pf) si aggiungono anche altre tre tipologie di modelli quali Enti non commericali (Redditi/Enc), Società di capitali (Redditi/Sc) e Società di persone (Redditi/Sp).


Chi deve presentare la dichiarazione col modello Redditi/Pf

Devono presentare la dichiarazione dei redditi i contribuenti obbligati alla tenuta delle scritture contabili (ad esempio i titolari di partita Iva), anche nel caso in cui non abbiano conseguito alcun reddito. Inoltre il modello Redditi/Pf va presentato da tutti coloro che non rientrano nelle categorie esonerate. Ad esempio, i lavoratori dipendenti che hanno cambiato datore di lavoro, nel corso dell'anno d'imposta; quelli a cui il sostituto d'imposta ha riconosciuto deduzioni dal reddito e/o detrazioni d'imposta non spettanti in tutto o in parte; quelli che hanno percepito retribuzioni da privati non obbligati per legge ad effettuare ritenute d'acconto (ad esempio colf e badanti); quelli che hanno conseguito altri redditi, oltre a quelli da lavoro dipendente.


Chi non deve presentare la dichiarazione

Sono esonerati dalla dichiarazione i lavoratori dipendenti, i pensionati e i co.co.co., purché i redditi siano stati corrisposti, nel corso dell'anno, da un unico sostituto d'imposta. Tali contribuenti devono presentare il modello 730.


Sono inoltre esonerati i redditi derivanti da: abitazione principale e sue pertinenze (box, cantina, ecc.); interessi sui Bot o altri titoli del debito pubblico; interessi sui conti correnti bancari o postali; lavori socialmente utili; varie tipologie di rendite erogate dall'Inail e dall'Inps per invalidità civile.


Altre esenzioni riguardano i limiti di reddito. A titolo di esempio: i dipendenti che, in totale, non arrivano a 8.000 euro; oppure i pensionati che non superano i 7.750. Sono esentati, comunque, tutti i contribuenti non obbligati alla tenuta delle scritture contabili che, a conti fatti, devono al Fisco un'imposta non superiore a 10,33 euro.


Le scadenze del modello Redditi/Pf 2017

Il modello Redditi/Pf 2017 va presentato in formato elettronico, ovvero per via telematica, entro il 2 ottobre 2017; la​ trasmissione telematica può avvenire anche mediante un intermediario abilitato, come Caf e patronati.

Il formato cartaceo, da consegnare presso gli uffici postali​, può invece essere utilizzato solo dai contribuenti che non possono presentarlo telematicamente o devono presentare la dichiarazione per conto di contribuenti deceduti; i termini di trasmissione sono in questo caso a partire dal 2 maggio al 30 giugno 2017.

Tutti i versamenti a saldo che risultano dalla dichiarazione, compresi quelli relativi al primo acconto, devono essere eseguiti entro il 30 giugno 2017. Successivamente, è possibile pagare con la maggiorazione dello 0,40 per cento, ma solo fino al 31 luglio 2017.

L'acconto Irpef va invece versato entro il 30 novembre di ogni anno, in relazione all'anno fiscale stesso.

Il modello e le istruzioni