Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

12 DIC
Almanacco
Registrati

Spese detraibili per la casa e la famiglia

Fisco In questo Canale:

Spese detraibili per la casa e la famiglia

A proposito di:

Il Fisco riconosce come detraibili dalle imposte molte spese relative alla famiglia o alla casa, come le spese sanitarie, gli interessi pagati per il muto per la prima casa, le spese per lo sport dei figli, le assicurazioni sulla vita e molto altro ancora

​​​​​​Il Fisco riconosce come detraibili dalle imposte molte spese relative alla famiglia o alla casa: ecco quali.

Spese sanitarie

Le spese sanitarie di qualunque tipo (medico/generiche, specialistiche, chirurgiche, farmaceutiche, ecc.) danno diritto ad una detrazione d'imposta del 19 per cento, ma solo per la parte che va oltre una "franchigia" di 129,11 euro. Se l'insieme delle spese sostenute nell'anno non supera tale importo, non si ha diritto ad alcuna detrazione. Se invece le spese superano, nell'anno, il limite di 15.493,71 euro, è possibile ripartire la detrazione spettante in quattro quote annuali di pari importo.

Per la documentazione necessaria, si vedano le indicazioni su come detrarre le spese dei farmaci.

Sono detraibili al 19 per cento anche le spese sanitarie sostenute per l'assistenza specifica da parte di terapisti, ad esempio in conseguenza di traumi da incidente automobilistico.


Mutui per l'acquisto della casa

Sono detraibili al 19 per cento gli interessi passivi ed oneri accessori derivanti da contratti di mutuo ipotecario per l'acquisto della casa, nel limite di 4 mila euro. Per i mutui stipulati dal 1993 in poi, le detrazioni sono concesse solo per l'acquisto dell'abitazione principale. Si veda la pagina "Mutuo per la prima casa: le agevolazioni fiscali".

Canoni di affitto/contratti di locazione
  • Spese di affitto per la casa adibita a propria abitazione principale: detrazione complessiva di 300 euro, per redditi fino a 15.493,71 euro, o di 150 euro, per redditi superiori a tale cifra, ma inferiori a 30.987,41 euro. Per i giovani di età tra i 20 ed i 30 anni, la detrazione è di 991,60 euro.
  • Canoni di affitto con contratti di locazione a canone convenzionato: 495,80 euro, per redditi fino a 15.493,71 euro, o 247,90 euro, per redditi tra 15.493,71 e 30.987,41 euro.
  • Canoni di affitto stipulati da lavoratori dipendenti che abbiano trasferito la propria residenza, per motivi di lavoro, in un comune ad almeno 100 chilometri di distanza dal precedente: 991,60 euro, per redditi fino a 15.493,71 euro, o 495,80 euro, per redditi tra 15.493,71 e 30.987,41 euro.​
  • Canoni di affitto stipulati dagli studenti iscritti ad un corso di laurea presso una università ubicata in un comune diverso da quello di residenza: detrazione del 19 per cento, per un importo fino a 2.633 euro.
Spese per ristrutturazioni edilizie e riqualificazione energetica di edifici

I proprietari di immobili possono usufruire di agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie e gli interventi di efficienza energetica ("bonus energia"). ​Si veda la pagina sulle "Detrazioni per le ristrutturazioni e bonus energia".

Ripartizione delle spese per i figli

Quando l'onere è sostenuto per i figli, la detrazione spetta al genitore al quale è intestata la ricevuta della spesa. Se il documento è intestato al figlio, le spese vanno suddivise di norma al 50 per cento tra i due genitori. Se si desidera una ripartizione diversa, la relativa percentuale va annotata sul documento comprovante la spesa. Se uno dei due coniugi è fiscalmente a carico dell'altro, quest'ultimo può sempre considerare l'intera spesa sostenuta.

Altre spese detraibili al 19 per cento
  • Premi di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni, per importi fino a 630 euro;
  • spese sostenute per la frequenza a corsi di istruzione secondaria, universitaria, di perfezionamento e/o di specializzazione universitaria, presso istituti o università italiane o straniere, pubbliche o private;
  • rette relative alla frequenza di asili nido, fino a 632 euro, per figli di età tra i tre mesi e i tre anni;
  • spese veterinarie, fino all'importo di 387,34 euro, e limitatamente alla somma che eccede i 129,11 euro;
  • oneri sostenuti per i compensi agli intermediari immobiliari per l’acquisto dell’abitazione principale;
  • spese sostenute, a favore dei ragazzi di età compresa tra i 5 e i 18 anni, per l’iscrizione annuale e l’abbonamento ad associazioni sportive, palestre, piscine e altre strutture e impianti sportivi destinati alla pratica sportiva dilettantistica, per un importo massimo di 210 euro a ragazzo;
  • spese per badanti, nei casi di non autosufficienza nel compimento degli atti di vita quotidiana, fino a 2.100 euro;
  • spese funebri sostenute per la morte di familiari, anche non a carico, nel limite di 1.549,37 per ciascun decesso.​