Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

12 DIC
Almanacco
Registrati

Il ravvedimento operoso

Fisco In questo Canale:

Il ravvedimento operoso

A proposito di:

Il ravvedimento operoso è lo strumento attraverso il quale il contribuente può rimediare ad eventuali omissioni o irregolarità che ha commesso, per mettersi in regola. In tal modo può beneficiare di sconti sulle sanzioni amministrative, ma solo se lo fa entro determinati limiti di tempo

​​​Con il ravvedimento operoso, il contribuente può porre rimedio agli errori che ha commesso e mettersi in regola con eventuali omissioni o irregolarità beneficiando di sconti sulle sanzioni amministrative: ma solo se provvede a correggere quanto ha sbagliato entro determinati limiti di tempo.

Mancato pagamento dei tributi

In caso di omesso o insufficiente versamento delle imposte, se si paga quanto dovuto:

  • entro 15 giorni​ (Sprint)​: 0,2 per cento per ogni giorno dalla scadenza, fino al quattordicesimo giorno;​
  • entro 30 giorni dalla scadenza, la sanzione scende dal 30 per cento al 3 per cento;
  • dopo i 30 giorni, ma entro 90 giorni, si attesta a 1/9 della sanzione minima;
  • dal novantunesimo giorno, ma entro un anno da quando si è commesso l'errore, essa scende al 3,75 per cento.;
  • entro il termine della presentazione successiva, è pari al 4,29 per cento;
  • oltre il termine della presentazione successiva, è fissata al ​5 per cento.
Violazioni di natura sostanziale

Gli errori e le omissioni rilevabili dal Fisco al momento della liquidazione o di un controllo formale della dichiarazione, possono essere regolarizzati in caso di:

  • errori materiali e di calcolo nella determinazione degli imponibili e delle imposte;
  • indicazione, in misura superiore a quella che spetta effettivamente, di detrazioni di imposta, oneri deducibili o detraibili,  ritenute d’acconto e crediti d’imposta.

La sanzione, sempre ridotta, è invece del 12,50 per cento in caso di errori ed omissioni identificabili cone "infedeli dichiarazioni", quali:

  • errata determinazione di redditi;
  • esposizione di indebite detrazioni o deduzioni.
Altri casi​
L'omessa o ritardata presentazione del modello F24 a saldo zero può essere regolarizzata mediante la presentazione del modello stesso entro il termine stabilito della dichiarazione relativa all'anno in cui è stata effettuata la violazione ed effettuando il pagamento della sanzione pari a
  • 5 euro, se il ritardo non è superiore a 5 giorni
  • 15 euro, se il ritardo è superiore.

Infine, non è possibile usufruire del ravvedimento quando:

  • l'errore è stato già individuato dall'amministrazione;
  • sono già avviate ispezioni e verifiche;
  • sono iniziate altre attività amministrative di accertamento comunicate formalmente.​
Come fare

Per pagare quanto dovuto con il ravvedimento è necessario utilizzare il modello F24, anche on line, o il modello F23, per l’imposta di registro e gli altri tributi indiretti. Non è prevista alcuna forma di pagamento rateale.

La dichiarazione integrativa (nei casi in cui ne è previsto l'obbligo) va presentata, utilizzando gli appositi modelli per l'anno di riferimento, a un ufficio postale o in via telematica, entro i termini di presentazione della dichiarazione relativa all’anno nel corso del quale l’errore o l’omissione si sono verificati.

Alla dichiarazione va allegata la riproduzione integrale del contenuto della dichiarazione originaria, ovviamente rettificato, tenendo conto delle correzioni o integrazioni, oppure indicando le sole correzioni o integrazioni che si intendono apportare rispetto alla dichiarazione originaria.