Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

12 DIC
Almanacco
Registrati

L'omessa impugnazione

Fisco In questo Canale:

L'omessa impugnazione

A proposito di:

Se l’accertamento del Fisco ha colpito nel segno e il contribuente non è riuscito a difendersi, vi è un’altra possibilità per ottenere dei vantagg: l’omessa impugnazione. Ecco come funziona

​​Se l’accertamento del Fisco ha colpito nel segno e il contribuente non è riuscito a difendersi, vi è un’altra possibilità per ottenere dei vantaggi. Si tratta dell’omessa impugnazione.

L’omessa impugnazione prevede una riduzione ad un terzo della sanzione, ricevuta per violazioni concernenti il contenuto delle dichiarazioni, in materia di imposta di registro, in materia di imposta sulle successioni e donazioni, se il contribuente rispetta queste condizioni:

  • rinuncia ad impugnare l'avviso di accertamento o di liquidazione;
  • rinuncia a formulare istanza di accertamento con adesione;
  • effettua il pagamento, entro il termine per la proposizione del ricorso, delle somme complessivamente dovute, tenendo conto della riduzione delle sanzioni.

La materia è disciplinata dal Decreto legislativo n. 218 del 19 giugno 1997, art. 15, modificato dalla Legge n. 220 del 13 dicembre 2010, ​art. 1, comma 18, lettera c) e comma 21.