Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

17 OTT
Almanacco
Registrati

Il modello F23

Fisco In questo Canale:

Il modello F23

A proposito di:

Serve quando è il momento di effettuare certi tipi di pagamenti verso lo Stato, come l'imposta di registro, quella sulle successioni, le sanzioni, le tasse erariali e demaniali. Ecco come usare il modello F23, da soli o tramite un Caf

​​​​Il modello F23 va utilizzato dai contribuenti per il versamento di imposte, tasse e sanzioni. È richiesto, in particolare, per il pagamento di:

  • imposta di registro, ipotecaria e catastale (per esempio, compravendita d'immobili);
  • imposta sulle successioni e donazioni;
  • sanzioni inflitte da autorità giudiziarie e amministrative (per esempio, diritti di cancelleria e segreteria giudiziaria, multe e contravvenzioni, ecc.);
  • tasse erariali e demaniali (per esempio, concessioni dei beni del demanio marittimo, militare ecc.).
Come fare

Il pagamento può essere effettuato presso qualsiasi concessionario (gruppo Equitalia), banca o ufficio postale, indipendentemente dal domicilio fiscale di chi versa o dall'indirizzo dell'ufficio o dell'ente che ha richiesto il pagamento. Oltre ai contanti, vengono accettati anche assegni bancari, postali e circolari; vaglia postali; carte Bancomat.

Chi effettua un pagamento di "autoliquidazione" o spontaneo - ad esempio per la registrazione dei contratti di locazione - deve anche occuparsi di compilare il modulo F23, eccetto i campi retinati. In tutti gli altri casi il modello è precompilato dall'ufficio o dall'ente che richiede il pagamento e inviato al contribuente insieme all'atto cui si riferisce.

Il contribuente deve avere cura anche della conservazione della ricevuta di pagamento. Infatti, se vengono riscontrati degli errori di trascrizione e l'ufficio o l'ente non possono abbinare il versamento al documento cui si riferisce, possono richiedere al contribuente il pagamento delle stesse somme già versate.

Ricordiamo che l'Agenzia delle entrate suo sito web ha messo a disposizione dei contribuenti un programma per la compilazione on line del modello F23. Poche e semplici operazioni per velocizzare la procedura di inserimento dati, con l'assistenza in caso di errori e anomalie.

Un'alternativa, per chi non se la sente di fare da solo, è quella di rivolgersi ad un soggetto autorizzato come il Caf.

​​