Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

24 SET
Almanacco
Registrati

Il bollo per le automobili

Fisco In questo Canale:

Il bollo per le automobili

A proposito di:

Il bollo auto è una tassa di possesso, che si paga indipendentemente dal fatto che si usi o meno il mezzo. Il suo importo varia principalmente in base alla potenza del veicolo e dipende anche dalla classe d'inquinamento (Euro 1, Euro 2, ecc): più basso il numero della classe, più si paga

​Il bollo auto è una tassa di possesso , che va pagata indipendentemente dal fatto che si usi o meno il mezzo. Il suo importo varia principalmente in base alla potenza del veicolo. Il calcolo viene perciò effettuato considerando i Kw (kilowatt) dell’auto, che misurano la potenza del motore. Questo dato è facilmente reperibile sul libretto di circolazione. Se il numero riporta dei decimali, cioè se ha la virgola, non bisogna considerare le difre a destra della virgola. Ad esempio, se il numero dei Kw è 47,80 bisogna pagare per 47 Kw.

Nelle auto più vecchie, è possibile che la potenza sia espressa solo in Cv (cavalli vapore). In ogni caso, l'Aci determina l'importo del bollo da pagare sulla base di quanto contenuto nel Pubblico Registro Automobilistico (Pra), per interrogare il quale è sufficiente inserire la targa dell'auto.

Il costo della tassa, oltre che dalla potenza, dipende dalla classe d'inquinamento (Euro 1, Euro 2, ecc): più basso  il numero della classe, più si paga, perché il veicolo inquina di più.

Riduzioni ed esenzioni

Il bollo può essere soggetto a diverse riduzioni, variabili in base alla regione. I mezzi a basso impatto ambientale possono usufruire di una forte riduzione, nel caso questi siano:

  • elettrici;
  • alimentati esclusivamente a GPL o Metano.

I mezzi d'interesse storico, iscritti in appositi registri, sono soggetti al pagamento di una tassa ridotta ("minibollo"), dovuta solo in caso di effettivo utilizzo.

I disabili, inoltre, hanno diritto alla completa esenzione dal bollo, se il veicolo è adattato al particolare tipo di disabilità.

Il Superbollo

A partire dal 31 gennaio 2012 si paga il Superbollo. Questa nuova addizionale erariale della tassa automobilistica per le autovetture e per gli autoveicoli per il trasporto promiscuo di persone e cose, riguarda due grandi categorie. La prima è rappresentata da quelle vetture con potenza superiore ai 225 Kw, acquistate dal 7 luglio al 31 dicembre 2011. La seconda invece riguarda quelle auto con più di 185 Kw, immatricolate dopo il 2008, che dovono mettersi in regola entro fine gennaio. Da quella data il Superbollo prenderà, per il tipo di vetture specificato e in quanto a scadenze di pagamento, il posto del "vecchio" bollo. 

Ricorda che…
  • Il bollo non si calcola più sui cavalli fiscali;
  • non è più dovuto il canone sull’autoradio;
  • non è più obbligatorio portare con sé o esporre la ricevuta di pagamento (ad eccezione dei ciclomotori).