Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

23 OTT
Almanacco
Registrati

730 precompilato: accettazione e modifiche

Fisco In questo Canale:

730 precompilato: accettazione e modifiche

A proposito di:

Dal 2 maggio 2017 è possibile effettuare la modifica del modello 730 precompilato. Ecco come fare e quali modifiche non precludono l'accettazione

​​​​​​Dal 2 maggio 2017 è possibile effettuare la modifica del modello 730 precompilato, a disposizione dei contribuenti sul sito dell'Agenzia delle Entrate a partire dal 18 aprile.​

A far data dal 2 maggio, i cittadini possono rivedere alcune delle voci inserite d'ufficio nella compilazione o, in caso di congruità con i dati in proprio possesso, scegliere di accettare quanto già inserito e proseguire con l'invio della dichiarazione.

Il termine per la consegna è stato fissato per le seguenti date:

  • 30 giugno per i contribuenti senza sostituto d'imposta;
  • 7 luglio per i contribuenti che presentano la dichiarazione tramite Caf e professionisti abilitati (il termine è fissato al 24 luglio per Caf e professionisti che al 7 luglio hanno consegnato l'80 per cento delle dichiarazioni a loro carico);
  • 24 luglio per i contribuenti che provvedono autonomamente all'invio della documentazione.
Modello 730: cosa fare in caso di accettazione

Se si sceglie di accettare i dati già presenti nel 730 precompilato, dopo un'attenta revisione del documento scaricabile e stampabile da casa, i contribuenti non devono far altro che collegarsi al sito dell'Agenzia delle Entrate e scegliere, attraverso l'applicazione web messa a disposizione, di effettuare l'invio.

La consegna del modello può essere fatta anche brevi manu, presentando il documento a una delle sedi territoriali dell'Agenzia delle Entrate. Effettuato tale passaggio, è possibile consultare la propria dichiarazione e visionare o stampare la ricevuta telematica che attesta la presentazione del documento.

Modello 730: cosa fare in caso di modifica

​Se invece si ritiene sia necessario apportare delle modifiche ai dati presenti, i contribuenti possono stampare il documento, modificarlo e presentarlo all'Agenzia delle Entrate oppure effettuare quest'ultimo passaggio tramite lo stesso sito web.

Modifiche al 730: quali non precludono l'accettazione

L'Agenzia delle Entrate ha chiarito alcuni punti relativi all'accettazione del modello 730 che include anche alcune modifiche, specificate nei dettagli; tale precisazione è stata resa necessaria anche alla luce dei controlli sui documenti ai quali i contribuenti sono sottoposti in caso di modifiche a dati particolari.

Le stesse istruzioni del modello 730 riportano la seguente dicitura: “La dichiarazione precompilata si considera accettata anche se il contribuente effettua delle modifiche che non incidono sul calcolo del reddito complessivo o dell'imposta”. Bisogna altresì aggiungere che in caso di 730 presentato con o senza modifiche a Caf o professionista abilitato, i controlli saranno effettuati nei confronti dei suddetti anche su oneri detraibili e deducibili comunicati all'Agenzia delle Entrate.

Modello 730: le modifiche accettate

Ecco le modifiche accettate, come riportate dal sito dell'Agenzia delle Entrate:​

  • indicazione o modifica dei dati anagrafici del contribuente, ad eccezione del comune di domicilio fiscale, che potrebbe incidere sulla determinazione delle addizionali regionale e comunale all'Irpef;
  • indicazione o modifica dei dati identificativi del soggetto che effettua il conguaglio;
  • indicazione o modifica del codice fiscale del coniuge non fiscalmente a carico (aggiunta/modifica della riga 1, col 4 del quadro dei familiari, in presenza di zero nella casella mesi a carico)
  • compilazione del quadro I per la scelta dell'utilizzo in compensazione, totale o parziale, dell'eventuale credito che risulta dal modello 730 (aggiunta del quadro I);
  • scelta di non versare o di versare in misura inferiore a quanto calcolato da chi presta assistenza fiscale gli acconti dovuti, mediante la compilazione dell'apposito rigo del quadro F del modello 730 e richiesta di suddivisione in rate mensili delle somme dovute a titolo di saldo e acconto nei casi consentiti dalla normativa vigente, mediante la compilazione dell'apposito rigo del quadro F del modello 730. (aggiunta/modifica del quadro F, rigo F6).
Modello 730 precompilato: i controlli

Le dichiarazioni dei contribuenti che presentano il modello 730 precompilato senza modifiche non subiscono controlli documentali su oneri detraibili e deducibili. In caso di invio tramite Caf o professionista abilitato, i controlli vengono effettuati sui due suddetti soggetti anche su oneri detraibili e deducibili; l'Agenzia, delle Entrate si riserva comunque la possibilità di richiedere la documentazione necessaria alla verifica ai contribuenti per la fruizione di agevolazioni​.