Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

19 OTT
Almanacco
Registrati

Il valore legale del titolo di studio

Famiglia In questo Canale:

Il valore legale del titolo di studio

A proposito di:

Il valore legale" di un certo titolo di studio è la sua capacità di essere ufficialmente riconosciuto nell'ambito delle amministrazioni pubbliche, ad esempio quando è il momento di fare un concorso per accedere ad un posto di lavoro in un ente pubblico

Per "valore legale" si intende la capacità di un certo titolo di studio - come il diploma o la laurea - di essere ufficialmente riconosciuto nell'ambito delle amministrazioni pubbliche.

Nel nostro ordinamento giuridico, il titolo di studio a cui viene attribuito valore legale è un certificato rilasciato da un'autorità scolastica o accademica, nell'esercizio delle proprie funzioni. Tale certificato riporta gli estremi di un atto pubblico compiuto da un pubblico ufficiale o da una commissione d'esame.

Possono rilasciare titoli di studio con valore legale le amministrazioni pubbliche in ambito formativo - come le scuole o le università pubbliche - oppure gli istituti privati legalmente riconosciuti dal Ministero dell'istruzione. Il titolo deve riferirsi ad un corso previsto da un regolamento didattico conforme a schemi nazionali definiti da leggi e regolamenti ministeriali (o anche da leggi regionali, per i settori formativi di loro competenza).

Dal punto di vista dell'efficacia giuridica, il possesso di un titolo di studio con valore legale è una condizione necessaria per:

  • il proseguimento degli studi nel sistema scolastico o accademico nazionale;
  • l'ammissione ad esami di Stato finalizzati all'iscrizione ad Albi, Collegi ed Ordini professionali;
  • la partecipazione a concorsi banditi dalla pubblica amministrazione e l'inquadramento in precisi profili funzionali lavorativi.

I titoli di studio stranieri non hanno valore legale in Italia, se non a seguito di una dichiarazione di riconoscimento o di "equipollenza". Quest'ultima può essere concessa in base a criteri e procedure sancite da accordi e trattati internazionali e recepite dalla legge.