Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

12 DIC
Almanacco
Registrati

Successione universale, particolare e necessaria

Famiglia In questo Canale:

Successione universale, particolare e necessaria

A proposito di:

Ci sono vari tipi di successione ereditaria, che si distinguono soprattutto per le modalità di trasferimento della posizione giuridica patrimoniale del defunto

​Nell'ambito della successione si distingue tra:

  • successione a titolo universale in cui il successore, che prende il nome di erede, subentra nella posizione giuridica patrimoniale del defunto;
  • successione a titolo particolare, detta legato, in cui si trasferisce uno o più determinati diritti o rapporti attribuiti specificamente al successore, detto legatario, dal testamento o dalla legge.

E’ una differenza importante perché mentre l’erede si sostituisce al defunto in tutti i suoi rapporti, ne acquista i diritti e nel contempo diviene obbligato per i suoi debiti, succede nei giudizi in corso instaurati dal defunto, ne è il "continuatore", il legatario non risponde dei debiti ereditari.

A differenza dell'eredità, inoltre, il legato si acquisisce senza bisogno di accettazione, fatta salva comunque la facoltà di rinunciarvi.

La successione necessaria

La legge riserva ai congiunti che formano il nucleo familiare una quota di eredità anche in presenza di una volontà contraria espressa nel testamento dal defunto.

Tali persone, che la legge indica in maniera tassativa, sono: il coniuge, i figli e, in mancanza di questi ultimi, gli ascendenti. Essi sono detti legittimari o riservatari e tale successione è detta necessaria.